Mettere in pausa la tua attività online

Se non riesci ad evadere gli ordini o la maggior parte dei tuoi prodotti non è disponibile, potresti considerare di chiudere temporaneamente la tua attività online. Se la situazione è temporanea e ti aspetti di riprendere le vendite nelle prossime settimane o nei prossimi mesi, ti consigliamo di agire per preservare il più possibile la reputazione del tuo sito nella Ricerca. Questa guida spiega come mettere in pausa la tua attività online in modo sicuro.

Limitare la funzionalità del sito (opzione consigliata)

Se la tua situazione è temporanea e hai intenzione di riaprire la tua attività online, ti consigliamo di mantenere online il tuo sito limitandone la funzionalità. Questo è l'approccio consigliato poiché riduce al minimo qualsiasi effetto negativo sulla presenza del tuo sito nella Ricerca. Gli utenti possono comunque trovare i tuoi prodotti, leggere recensioni o aggiungere articoli alla lista dei desideri per poterli acquistare in un secondo momento. Ti consigliamo di procedere come segue:

  • Disattiva la funzionalità del carrello: disattivare la funzionalità del carrello è l'approccio più semplice e non comporta modifiche alla visibilità del tuo sito nella Ricerca.
  • Mostra un banner o popup: aggiungere un oggetto HTML div che includa un banner o un popup a tutte le pagine, inclusa la pagina di destinazione, rende lo stato del sito più chiaro agli utenti. Specifica eventuali ritardi, tempi di spedizione, opzioni di ritiro o consegna noti e straordinari, in modo che gli utenti continuino ad avere le giuste aspettative. Per impedire che i contenuti nel banner o nel popup vengano visualizzati in uno snippet nei risultati di ricerca, utilizza l'attributo HTML data-nosnippet. Assicurati di seguire le nostre linee guida relative a popup e banner.
  • Aggiorna i dati strutturati: se il tuo sito utilizza dati strutturati (ad esempio, Product, Book, Event), assicurati di modificarli in modo appropriato (rispecchiando la disponibilità attuale del prodotto o impostando come annullato lo stato degli eventi). Se la tua attività dispone di una vetrina fisica, aggiorna i dati strutturati dell'attività locale per riflettere gli orari di apertura correnti.
  • Controlla il feed di Merchant Center: se utilizzi Merchant Center, segui le best practice per l'attributo availability [disponibilità].
  • Informa Google dei tuoi aggiornamenti: per chiedere a Google di ripetere la scansione di un numero limitato di pagine (ad esempio la home page), utilizza Search Console. Per un numero maggiore di pagine (ad esempio, tutte le pagine dei tuoi prodotti) utilizza le sitemap.

Opzione non consigliata: disattivare l'intero sito web

Decidere di disattivare l'intero sito web è una misura estrema che deve essere adottata solo per un breve periodo di tempo (alcuni giorni al massimo), per evitare effetti significativi sul sito web nella Ricerca, anche se l'implementazione è eseguita correttamente.

Accertati di prendere in considerazione le conseguenze che seguono rispetto alla disattivazione dell'intero sito:

  • I clienti non potranno sapere cosa sta succedendo alla tua attività se non riescono a trovarla online.
  • I clienti non potranno trovare o leggere informazioni sulla tua attività e sui suoi prodotti fornite direttamente da te, ad esempio trovare recensioni, specifiche, manuali di riparazione o di altro tipo. Le informazioni di terze parti potrebbero non essere corrette o esaurienti quanto quelle fornite da te. Questo spesso influisce anche sulle future decisioni di acquisto.
  • Le schede informative potrebbero perdere informazioni, ad esempio i numeri di telefono di contatto e il logo del tuo sito.
  • La verifica di Search Console avrà esito negativo e perderai l'accesso a tutte le informazioni sulla tua attività nella Ricerca. I rapporti aggregati in Search Console perderanno dati man mano che le pagine verranno eliminate dall'indice.
  • Ritornare a eseguire il backup dopo un periodo di tempo prolungato sarà molto più difficoltoso se il tuo sito web deve essere prima reindicizzato. Inoltre, non è possibile sapere quanto tempo sarà necessario per questa operazione e se il sito verrà successivamente visualizzato nella Ricerca con un aspetto simile a quello corrente.

Se decidi di procedere (come ripetiamo, non è l'opzione consigliata), ecco alcune opzioni:

  • Se hai bisogno di disattivare urgentemente il sito per 1 o 2 giorni, restituisci una pagina di errore informativa con un codice risultato HTTP 503, invece di tutti i contenuti. Assicurati di seguire le best practice per la disattivazione di un sito.
  • Se devi disattivare il sito per un periodo di tempo più lungo, fornisci come risultato per gli utenti nella Ricerca una home page indicizzabile come segnaposto, utilizzando il codice di stato HTTP 200.
  • Se devi nascondere rapidamente il tuo sito dalla Ricerca mentre valuti le alternative a tua disposizione, puoi rimuovere temporaneamente un sito web dalla Ricerca.

Best practice per la disattivazione di un sito

Sconsigliamo di disattivare il tuo sito ma, se decidi di farlo, procedi nel seguente modo:

  • Continua a consentire la scansione nel file robots.txt. Non restituire un codice risultato HTTP 503 per il file robots.txt perché questo blocca la scansione.
  • Conferma in locale un codice risultato HTTP 503 utilizzando curl o uno strumento simile. Ad esempio:
    curl -I -X GET "https://www.example.com/"
    HTTP/1.1 503 Service Unavailable
    Mime-Version: 1.0
    Content-Type: text/html
    (...)
  • Per ridurre al minimo il caricamento lato server e lato client di una pagina di errore 503, segui queste best practice:
    • Utilizza l'intestazione HTTP retry-after con la data o la durata che ritieni più probabili.
    • Utilizza codice HTML statico.
    • Riduci al minimo le risorse esterne alla pagina; utilizza fogli di stile CSS incorporati e immagini con codifica base 64.
  • Offri ai tuoi utenti indicazioni precise sui prossimi passi all'interno dei contenuti della pagina di errore. Ad esempio, potresti includere:
    • Link a ulteriori informazioni.
    • La data in cui pensi che il sito web tornerà online o in cui le informazioni verranno aggiornate.
    • Come contattare l'assistenza clienti.
  • Non impedire la scansione nel file robots.txt. Se restituisci un file robots.txt valido che impedisce la scansione, i contenuti del sito web e potenzialmente i relativi URL vengono rimossi dalla Ricerca Google.
  • Non bloccare il sito web restituendo codici di stato HTTP 403, 404, 410 o con un'intestazione HTTP "X-Robots-Tag" o con meta tag robots noindex: questo determina la rimozione degli URL del sito web dalla Ricerca Google.
  • Non utilizzare lo strumento per la rimozione temporanea di siti web in Search Console per le chiusure. In questo modo, gli utenti non potranno trovare il tuo sito web per conoscerne lo stato. Inoltre, i potenziali rivenditori o affiliati dei prodotti della tua attività potrebbero continuare a essere visualizzati nella Ricerca.
  • Non bloccare il file robots.txt con un codice risultato HTTP 503.

Domande frequenti

Che cosa succede se chiudo il sito solo per alcune settimane?

La chiusura completa di un sito anche solo per poche settimane può comportare conseguenze negative sull'indicizzazione da parte di Google. È consigliabile invece limitare la funzionalità del sito. Tieni presente che gli utenti potrebbero anche voler cercare informazioni sui tuoi prodotti, sui tuoi servizi e sulla tua azienda, anche se al momento non stai vendendo nulla.

Che cosa succede se escludo tutti i prodotti non essenziali?

Non c'è problema. Assicurati che le persone non possano acquistare i prodotti non essenziali limitando la funzionalità del sito.

Posso chiedere a Google di diminuire la frequenza di scansione mentre il mio sito è temporaneamente chiuso?

Sì, puoi ridurre la frequenza di scansione di Googlebot, anche se non è consigliabile nella maggior parte dei casi, in quanto potrebbe avere un impatto sull'aggiornamento dei risultati nella Ricerca. Ad esempio, potrebbe essere necessario più tempo prima che la Ricerca rifletta il fatto che tutti i tuoi prodotti non sono al momento disponibili. D'altra parte, se la scansione di Googlebot causa problemi critici relativi alle risorse del server, questo rappresenta un approccio valido. Ti consigliamo di impostare un promemoria per reimpostare la frequenza di scansione quando potrai tornare alla tua attività.

Come faccio a far sì che una pagina venga indicizzata o aggiornata rapidamente?

Per chiedere a Google di ripetere la scansione di un numero limitato di pagine (ad es. della home page), utilizza Search Console. Per un numero maggiore di pagine (ad esempio, tutte le pagine dei tuoi prodotti) utilizza le sitemap.

Che cosa succede se blocco l'accesso al mio sito da un'area geografica specifica?

In genere Google esegue la scansione dagli Stati Uniti. Se blocchi gli Stati Uniti, la Ricerca Google non potrà accedere al tuo sito. Non è consigliabile bloccare temporaneamente l'accesso al sito di un'intera area geografica; consigliamo invece di limitare la funzionalità del sito per l'area.

Devo utilizzare lo strumento per le rimozioni per rimuovere i prodotti non disponibili?

No. Se lo fai, i clienti non saranno in grado di trovare informazioni recenti sui tuoi prodotti nella Ricerca e potrebbero continuare a visualizzare per il prodotto informazioni di terze parti potenzialmente errate o incomplete. È meglio continuare a consentire la visualizzazione della pagina e contrassegnare i prodotti come non disponibili. In questo modo le persone possono farsi un'idea di cosa sta succedendo, anche se non riescono ad acquistare un articolo. Se rimuovi il prodotto dalla Ricerca, gli utenti non avranno modo di sapere perché non è più disponibile.