Accedi con Google per le app lato server

Mantieni tutto organizzato con le raccolte Salva e classifica i contenuti in base alle tue preferenze.

Per utilizzare i servizi Google per conto di un utente quando quest'ultimo è offline, devi utilizzare un flusso lato server ibrido in cui un utente autorizza la tua app sul lato client utilizzando il client API JavaScript e invia al tuo server un codice di autorizzazione una tantum speciale. Il tuo server scambia questo codice monouso per acquisire i propri token di accesso e aggiornamento da Google per consentire al server di effettuare chiamate proprie, che possono essere eseguite quando l'utente è offline. Questo flusso di codice una tantum offre vantaggi di sicurezza sia su un flusso puramente lato server sia sull'invio di token di accesso al tuo server.

Il flusso di accesso per ottenere un token di accesso per l'applicazione lato server è illustrato di seguito.

I codici monouso offrono diversi vantaggi in termini di sicurezza. Con i codici, Google fornisce token direttamente al tuo server senza intermediari. Anche se sconsigliamo di perdere codici, sono molto difficili da utilizzare senza il client secret. Mantieni il client secret segreto.

Implementare il flusso una tantum del codice

Il pulsante Accedi con Google fornisce sia un token di accesso sia un codice di autorizzazione. Si tratta di un codice monouso che il tuo server può scambiare con i server di Google per ricevere un token di accesso.

Il seguente codice di esempio mostra come eseguire il flusso una tantum del codice.

Per autenticare la funzionalità Accedi con Google con il codice monouso devi:

Passaggio 1: crea un ID client e un client secret

Per creare un ID client e un client secret, crea un progetto nella console API di Google, imposta un ID client OAuth e registra le origini JavaScript:

  1. Vai alla console dell'API di Google.

  2. Dal menu a discesa, seleziona un progetto esistente oppure creane uno nuovo, selezionando Crea un nuovo progetto.

  3. Nella barra laterale sotto "API e servizi", seleziona Credenziali, quindi fai clic su Configura la schermata per il consenso.

    Scegli un indirizzo email, specifica il nome di un prodotto e premi Salva.

  4. Nella scheda Credenziali, seleziona l'elenco a discesa Crea credenziali e scegli ID client OAuth.

  5. In Tipo di applicazione, seleziona Applicazione web.

    Registra le origini da cui la tua app è autorizzata ad accedere alle API di Google, come segue. Un'origine è una combinazione univoca di protocollo, nome host e porta.

    1. Nel campo Origini JavaScript autorizzate, inserisci l'origine della tua app. Puoi inserire più origini per consentire l'esecuzione dell'app su protocolli, domini o sottodomini diversi. Non puoi utilizzare caratteri jolly. Nell'esempio riportato di seguito, il secondo URL potrebbe essere un URL di produzione.

      http://localhost:8080
      https://myproductionurl.example.com
      
    2. Il campo URI di reindirizzamento autorizzato non richiede un valore. Gli URI non vengono utilizzati con le API JavaScript.

    3. Premi il pulsante Crea.

  6. Nella finestra di dialogo Client OAuth risultante, copia l'ID client. L'ID client consente alla tua app di accedere alle API di Google abilitate.

Passaggio 2: includi la libreria della piattaforma Google nella pagina

Includi i seguenti script che mostrano una funzione anonima che inserisce uno script nel DOM di questa pagina web index.html.

<!-- The top of file index.html -->
<html itemscope itemtype="http://schema.org/Article">
<head>
  <!-- BEGIN Pre-requisites -->
  <script src="//ajax.googleapis.com/ajax/libs/jquery/1.8.2/jquery.min.js">
  </script>
  <script src="https://apis.google.com/js/client:platform.js?onload=start" async defer>
  </script>
  <!-- END Pre-requisites -->

Passaggio 3: inizializza l'oggetto GoogleAuth

Carica la libreria auth2 e chiama gapi.auth2.init() per inizializzare l'oggetto GoogleAuth. Specifica il tuo ID client e gli ambiti da richiedere quando chiami init().

<!-- Continuing the <head> section -->
  <script>
    function start() {
      gapi.load('auth2', function() {
        auth2 = gapi.auth2.init({
          client_id: 'YOUR_CLIENT_ID.apps.googleusercontent.com',
          // Scopes to request in addition to 'profile' and 'email'
          //scope: 'additional_scope'
        });
      });
    }
  </script>
</head>
<body>
  <!-- ... -->
</body>
</html>

Passaggio 4: aggiungi il pulsante di accesso alla tua pagina

Aggiungi il pulsante di accesso alla tua pagina web e allega un gestore di clic per chiamare grantOfflineAccess() per avviare il flusso una tantum del codice.

<!-- Add where you want your sign-in button to render -->
<!-- Use an image that follows the branding guidelines in a real app -->
<button id="signinButton">Sign in with Google</button>
<script>
  $('#signinButton').click(function() {
    // signInCallback defined in step 6.
    auth2.grantOfflineAccess().then(signInCallback);
  });
</script>

Passaggio 5: esegui l'accesso dell'utente

L'utente fa clic sul pulsante di accesso e concede alla tua app l'accesso alle autorizzazioni richieste. Quindi, alla funzione di callback specificata nel metodo grantOfflineAccess().then() viene passato un oggetto JSON con un codice di autorizzazione. Ad esempio:

{"code":"4/yU4cQZTMnnMtetyFcIWNItG32eKxxxgXXX-Z4yyJJJo.4qHskT-UtugceFc0ZRONyF4z7U4UmAI"}

Passaggio 6: invia il codice di autorizzazione al server

code è il tuo codice monouso che il server può scambiare con il proprio token di accesso e aggiornalo. Puoi ottenere un token di aggiornamento solo dopo che all'utente è stata presentata una finestra di dialogo di autorizzazione che richiede l'accesso offline. Se hai specificato select-account prompt nel OfflineAccessOptions nel passaggio 4, devi archiviare il token di aggiornamento che recuperi per utilizzarli in un secondo momento perché le piattaforme di scambio successive restituiscono null per il token di aggiornamento. Questo flusso offre maggiore sicurezza rispetto al flusso OAuth 2.0 standard.

I token di accesso vengono sempre restituiti con lo scambio di un codice di autorizzazione valido.

Lo script seguente definisce una funzione di callback per il pulsante di accesso. Quando un accesso ha esito positivo, la funzione archivia il token di accesso per l'utilizzo lato client e invia il codice monouso al tuo server nello stesso dominio.

<!-- Last part of BODY element in file index.html -->
<script>
function signInCallback(authResult) {
  if (authResult['code']) {

    // Hide the sign-in button now that the user is authorized, for example:
    $('#signinButton').attr('style', 'display: none');

    // Send the code to the server
    $.ajax({
      type: 'POST',
      url: 'http://example.com/storeauthcode',
      // Always include an `X-Requested-With` header in every AJAX request,
      // to protect against CSRF attacks.
      headers: {
        'X-Requested-With': 'XMLHttpRequest'
      },
      contentType: 'application/octet-stream; charset=utf-8',
      success: function(result) {
        // Handle or verify the server response.
      },
      processData: false,
      data: authResult['code']
    });
  } else {
    // There was an error.
  }
}
</script>

Passaggio 7: scambia il codice di autorizzazione con un token di accesso

Sul server, scambia il codice di autorizzazione con i token di accesso e di aggiornamento. Utilizza il token di accesso per chiamare le API di Google per conto dell'utente e, facoltativamente, archiviarlo per acquisire un nuovo token di accesso alla scadenza.

Se hai richiesto l'accesso al profilo, ricevi anche un token ID contenente le informazioni di base del profilo dell'utente.

Ad esempio:

Java
// (Receive authCode via HTTPS POST)


if (request.getHeader("X-Requested-With") == null) {
  // Without the `X-Requested-With` header, this request could be forged. Aborts.
}

// Set path to the Web application client_secret_*.json file you downloaded from the
// Google API Console: https://console.cloud.google.com/apis/credentials
// You can also find your Web application client ID and client secret from the
// console and specify them directly when you create the GoogleAuthorizationCodeTokenRequest
// object.
String CLIENT_SECRET_FILE = "/path/to/client_secret.json";

// Exchange auth code for access token
GoogleClientSecrets clientSecrets =
    GoogleClientSecrets.load(
        JacksonFactory.getDefaultInstance(), new FileReader(CLIENT_SECRET_FILE));
GoogleTokenResponse tokenResponse =
          new GoogleAuthorizationCodeTokenRequest(
              new NetHttpTransport(),
              JacksonFactory.getDefaultInstance(),
              "https://oauth2.googleapis.com/token",
              clientSecrets.getDetails().getClientId(),
              clientSecrets.getDetails().getClientSecret(),
              authCode,
              REDIRECT_URI)  // Specify the same redirect URI that you use with your web
                             // app. If you don't have a web version of your app, you can
                             // specify an empty string.
              .execute();

String accessToken = tokenResponse.getAccessToken();

// Use access token to call API
GoogleCredential credential = new GoogleCredential().setAccessToken(accessToken);
Drive drive =
    new Drive.Builder(new NetHttpTransport(), JacksonFactory.getDefaultInstance(), credential)
        .setApplicationName("Auth Code Exchange Demo")
        .build();
File file = drive.files().get("appfolder").execute();

// Get profile info from ID token
GoogleIdToken idToken = tokenResponse.parseIdToken();
GoogleIdToken.Payload payload = idToken.getPayload();
String userId = payload.getSubject();  // Use this value as a key to identify a user.
String email = payload.getEmail();
boolean emailVerified = Boolean.valueOf(payload.getEmailVerified());
String name = (String) payload.get("name");
String pictureUrl = (String) payload.get("picture");
String locale = (String) payload.get("locale");
String familyName = (String) payload.get("family_name");
String givenName = (String) payload.get("given_name");
Python
from apiclient import discovery
import httplib2
from oauth2client import client

# (Receive auth_code by HTTPS POST)


# If this request does not have `X-Requested-With` header, this could be a CSRF
if not request.headers.get('X-Requested-With'):
    abort(403)

# Set path to the Web application client_secret_*.json file you downloaded from the
# Google API Console: https://console.cloud.google.com/apis/credentials
CLIENT_SECRET_FILE = '/path/to/client_secret.json'

# Exchange auth code for access token, refresh token, and ID token
credentials = client.credentials_from_clientsecrets_and_code(
    CLIENT_SECRET_FILE,
    ['https://www.googleapis.com/auth/drive.appdata', 'profile', 'email'],
    auth_code)

# Call Google API
http_auth = credentials.authorize(httplib2.Http())
drive_service = discovery.build('drive', 'v3', http=http_auth)
appfolder = drive_service.files().get(fileId='appfolder').execute()

# Get profile info from ID token
userid = credentials.id_token['sub']
email = credentials.id_token['email']