Verificare il token ID Google sul lato server

Dopo che Google restituisce un token ID, questo viene inviato tramite una richiesta di metodo POST HTTP, con il nome del parametro credential, all'endpoint di accesso.

Di seguito è riportato un esempio nel linguaggio Python che mostra i consueti passaggi per convalidare e utilizzare il token ID:

  1. Verifica il token CSRF (Cross-Site Request Forgery). Quando invii le credenziali all'endpoint di accesso, utilizziamo il pattern Double-submit-cookie per prevenire gli attacchi CSRF. Prima di ogni invio, viene generato un token. Quindi, il token viene inserito sia nel cookie che nel corpo del post, come mostrato nel seguente esempio di codice:

    csrf_token_cookie = self.request.cookies.get('g_csrf_token')
    if not csrf_token_cookie:
        webapp2.abort(400, 'No CSRF token in Cookie.')
    csrf_token_body = self.request.get('g_csrf_token')
    if not csrf_token_body:
        webapp2.abort(400, 'No CSRF token in post body.')
    if csrf_token_cookie != csrf_token_body:
        webapp2.abort(400, 'Failed to verify double submit cookie.')
    
  2. Verifica il token ID.

    To verify that the token is valid, ensure that the following criteria are satisfied:

    • The ID token is properly signed by Google. Use Google's public keys (available in JWK or PEM format) to verify the token's signature. These keys are regularly rotated; examine the Cache-Control header in the response to determine when you should retrieve them again.
    • The value of aud in the ID token is equal to one of your app's client IDs. This check is necessary to prevent ID tokens issued to a malicious app being used to access data about the same user on your app's backend server.
    • The value of iss in the ID token is equal to accounts.google.com or https://accounts.google.com.
    • The expiry time (exp) of the ID token has not passed.
    • If you need to validate that the ID token represents a Google Workspace or Cloud organization account, you can check the hd claim, which indicates the hosted domain of the user. This must be used when restricting access to a resource to only members of certain domains. The absence of this claim indicates that the account does not belong to a Google hosted domain.

    Rather than writing your own code to perform these verification steps, we strongly recommend using a Google API client library for your platform, or a general-purpose JWT library. For development and debugging, you can call our tokeninfo validation endpoint.

    Utilizzo di una libreria client delle API di Google

    L'utilizzo di una delle librerie client delle API di Google (ad esempio Java, Node.js, PHP, Python) è il metodo consigliato per convalidare i token ID Google in un ambiente di produzione.

    Java

    Per convalidare un token ID in Java, utilizza l'oggetto GoogleIdTokenVerifier. Ad esempio:

    import com.google.api.client.googleapis.auth.oauth2.GoogleIdToken;
    import com.google.api.client.googleapis.auth.oauth2.GoogleIdToken.Payload;
    import com.google.api.client.googleapis.auth.oauth2.GoogleIdTokenVerifier;
    
    ...
    
    GoogleIdTokenVerifier verifier = new GoogleIdTokenVerifier.Builder(transport, jsonFactory)
        // Specify the CLIENT_ID of the app that accesses the backend:
        .setAudience(Collections.singletonList(CLIENT_ID))
        // Or, if multiple clients access the backend:
        //.setAudience(Arrays.asList(CLIENT_ID_1, CLIENT_ID_2, CLIENT_ID_3))
        .build();
    
    // (Receive idTokenString by HTTPS POST)
    
    GoogleIdToken idToken = verifier.verify(idTokenString);
    if (idToken != null) {
      Payload payload = idToken.getPayload();
    
      // Print user identifier
      String userId = payload.getSubject();
      System.out.println("User ID: " + userId);
    
      // Get profile information from payload
      String email = payload.getEmail();
      boolean emailVerified = Boolean.valueOf(payload.getEmailVerified());
      String name = (String) payload.get("name");
      String pictureUrl = (String) payload.get("picture");
      String locale = (String) payload.get("locale");
      String familyName = (String) payload.get("family_name");
      String givenName = (String) payload.get("given_name");
    
      // Use or store profile information
      // ...
    
    } else {
      System.out.println("Invalid ID token.");
    }

    Il metodo GoogleIdTokenVerifier.verify() verifica la firma JWT, l'attestazione aud, le rivendicazioni iss e exp.

    Se devi verificare che il token ID rappresenti un account Google Workspace o Cloud dell'organizzazione, puoi verificare la rivendicazione hd controllando il nome di dominio restituito dal metodo Payload.getHostedDomain(). Il dominio della rivendicazione email non è sufficiente per garantire che l'account sia gestito da un dominio o da un'organizzazione.

    Node.js

    Per convalidare un token ID in Node.js, utilizza la libreria di autenticazione di Google per Node.js. Installa la libreria:

    npm install google-auth-library --save
    Quindi, chiama la funzione verifyIdToken(). Ad esempio:

    const {OAuth2Client} = require('google-auth-library');
    const client = new OAuth2Client();
    async function verify() {
      const ticket = await client.verifyIdToken({
          idToken: token,
          audience: CLIENT_ID,  // Specify the CLIENT_ID of the app that accesses the backend
          // Or, if multiple clients access the backend:
          //[CLIENT_ID_1, CLIENT_ID_2, CLIENT_ID_3]
      });
      const payload = ticket.getPayload();
      const userid = payload['sub'];
      // If request specified a G Suite domain:
      // const domain = payload['hd'];
    }
    verify().catch(console.error);
    

    La funzione verifyIdToken verifica la firma JWT, l'attestazione aud, le attestazioni exp e iss.

    Se devi verificare che il token ID rappresenti un account Google Workspace o Cloud dell'organizzazione, puoi controllare la rivendicazione hd, che indica il dominio ospitato dell'utente. Questa opzione deve essere utilizzata per limitare l'accesso a una risorsa ai soli membri di determinati domini. L'assenza di questa rivendicazione indica che l'account non appartiene a un dominio ospitato da Google.

    PHP

    Per convalidare un token ID in PHP, utilizza la libreria client delle API di Google per PHP. Installa la libreria (ad esempio, utilizzando Composer):

    composer require google/apiclient
    Quindi chiama la funzione verifyIdToken(). Ad esempio:

    require_once 'vendor/autoload.php';
    
    // Get $id_token via HTTPS POST.
    
    $client = new Google_Client(['client_id' => $CLIENT_ID]);  // Specify the CLIENT_ID of the app that accesses the backend
    $payload = $client->verifyIdToken($id_token);
    if ($payload) {
      $userid = $payload['sub'];
      // If request specified a G Suite domain:
      //$domain = $payload['hd'];
    } else {
      // Invalid ID token
    }
    

    La funzione verifyIdToken verifica la firma JWT, l'attestazione aud, le attestazioni exp e iss.

    Se devi verificare che il token ID rappresenti un account Google Workspace o Cloud dell'organizzazione, puoi controllare la rivendicazione hd, che indica il dominio ospitato dell'utente. Questa opzione deve essere utilizzata per limitare l'accesso a una risorsa ai soli membri di determinati domini. L'assenza di questa rivendicazione indica che l'account non appartiene a un dominio ospitato da Google.

    Python

    Per convalidare un token ID in Python, utilizza la funzione verify_oauth2_token. Ad esempio:

    from google.oauth2 import id_token
    from google.auth.transport import requests
    
    # (Receive token by HTTPS POST)
    # ...
    
    try:
        # Specify the CLIENT_ID of the app that accesses the backend:
        idinfo = id_token.verify_oauth2_token(token, requests.Request(), CLIENT_ID)
    
        # Or, if multiple clients access the backend server:
        # idinfo = id_token.verify_oauth2_token(token, requests.Request())
        # if idinfo['aud'] not in [CLIENT_ID_1, CLIENT_ID_2, CLIENT_ID_3]:
        #     raise ValueError('Could not verify audience.')
    
        # If auth request is from a G Suite domain:
        # if idinfo['hd'] != GSUITE_DOMAIN_NAME:
        #     raise ValueError('Wrong hosted domain.')
    
        # ID token is valid. Get the user's Google Account ID from the decoded token.
        userid = idinfo['sub']
    except ValueError:
        # Invalid token
        pass
    

    La funzione verify_oauth2_token verifica la firma JWT, l'attestazione aud e l'attestazione exp. Devi anche verificare la dichiarazione hd (se applicabile) esaminando l'oggetto restituito da verify_oauth2_token. Se più client accedono al server di backend, verifica anche manualmente la rivendicazione aud.

  3. Una volta confermata la validità del token, puoi utilizzare le informazioni nel token ID Google per associare lo stato dell'account del tuo sito:

    • Un utente non registrato: puoi mostrare un'interfaccia utente (UI) di registrazione che consente all'utente di fornire ulteriori informazioni del profilo, se necessario. Consente inoltre all'utente di creare automaticamente il nuovo account e una sessione utente che ha eseguito l'accesso.

    • Un account esistente già esistente nel tuo sito: puoi mostrare una pagina web che consenta all'utente finale di inserire la propria password e di collegare l'account precedente con le proprie credenziali Google. Questo conferma che l'utente ha accesso all'account esistente.

    • Un utente federato di ritorno:puoi eseguire l'accesso dell'utente automaticamente.