Report Google Maps Platform

Mantieni tutto organizzato con le raccolte Salva e classifica i contenuti in base alle tue preferenze.

I report in Google Maps Platform forniscono una serie di report visivi predefiniti che consentono di visualizzare facilmente l'utilizzo di base, la quota e i dati di fatturazione dell'API in Google Cloud Console. Puoi determinare rapidamente il numero di chiamate API, quanto sei vicino al raggiungimento delle quote di utilizzo delle API e monitorare l'utilizzo della fatturazione nel tempo.

I tipi di report includono:

  • Report di utilizzo: indica il numero di richieste che il progetto invia alle API di Google Maps Platform utilizzando le credenziali associate.
  • Rapporti sulle quote: riportano l'utilizzo della quota in grafici che possono essere raggruppati in richieste al minuto. Gli attuali limiti di quota per le API selezionate sono visualizzati nelle tabelle sotto i grafici di utilizzo della quota.
  • Rapporti di fatturazione: rapporti sui costi nel tempo come grafico a linee in pila. Visualizza l'utilizzo della quota del mese in corso, inclusi eventuali crediti specifici per utilizzo applicati, nonché il costo totale previsto per l'intero mese in corso.
  • Report sul coinvolgimento: riporta il numero di visualizzazioni, interazioni e tasso di coinvolgimento degli utenti di Locator Plus.

Consulta la sezione Stato e rapporti sulla risposta di seguito per un elenco completo degli stati e dei codici di risposta che definiscono se una richiesta viene visualizzata nei report Utilizzo, Quota e/o Fatturazione.

Visualizza i report sull'utilizzo, sulla quota e sulla fatturazione di Google Maps Platform utilizzando Cloud Console.

Report sull'utilizzo

L'utilizzo si basa sul numero di richieste che il tuo progetto invia alle API di Google Maps Platform utilizzando le credenziali associate al progetto. Le richieste includono richieste riuscite, richieste che generano errori del server e richieste che generano errori client. Le credenziali includono chiavi API e ID client (per i progetti Premium e i piani Premium migrati).

Le metriche di utilizzo vengono visualizzate in tabelle (richieste, errori e latenza) e nei grafici (traffico, errori e latenza). Per scopi di monitoraggio:

  • Le metriche di utilizzo per tutte le API possono essere filtrate per periodo di tempo e API; inoltre, puoi visualizzare traffico, errore e latenza raggruppati per codice di risposta, API e credenziali.
  • Le metriche di utilizzo per un'API specifica possono essere filtrate per periodo di tempo e versioni, credenziali e metodi dell'API. Puoi inoltre visualizzare il traffico, gli errori e la latenza raggruppati per codice di risposta, metodo e versione dell'API e credenziali.

API e pagina Dashboard servizi

La pagina Dashboard API e servizi fornisce una panoramica delle metriche di utilizzo per tutte le API abilitate per il tuo progetto (le API Google Maps Platform, nonché altre API e servizi).

La pagina Dashboard presenta tre grafici e una tabella. Puoi filtrare l'utilizzo visualizzato nei grafici e nelle tabelle selezionando un periodo di tempo (da 1 ora agli ultimi 30 giorni).

Il grafico del traffico mostra l'utilizzo in query al secondo (QPS) per API. Il grafico Errori mostra la percentuale di richieste che hanno restituito errori per API. Il grafico Latenza mostra la latenza mediana delle richieste per API.

Sotto i grafici, la tabella elenca le API e i servizi abilitati. Le richieste corrispondono al numero di richieste (per il periodo di tempo selezionato). Gli errori corrispondono al numero di queste richieste che hanno generato errori. La latenza (media latenza e percentile) è la latenza di queste richieste.

monitoraggio delle API

Per accedere alla pagina Dashboard API e servizi:

  1. Apri la pagina del selettore di progetti in Cloud Console:

    Pagina del selettore progetti

  2. Seleziona il progetto. Viene visualizzata la pagina API e servizi;.

    Se la pagina non viene visualizzata, seleziona il pulsante del menu menu, quindi seleziona API e servizi.

Per ulteriori informazioni, consulta la sezione Monitoraggio dell'utilizzo dell'API.

Pagina Panoramica di Google Maps

La pagina Panoramica di Google Maps include una tabella che elenca le API abilitate e le richieste di utilizzo degli ultimi 30 giorni. Le richieste per API vengono mostrate anche sotto forma di grafico. Un grafico di fatturazione mostra la fattura attuale e l'utilizzo totale degli ultimi 3 mesi.

Screenshot di un grafico Panoramica che mostra una tabella che elenca le API abilitate e le richieste API per gli ultimi 30 giorni.

Per accedere alla pagina della panoramica di Google Maps Platform:

  1. Apri la pagina di Google Maps Platform in Cloud Console:

    Vai alla pagina Google Maps Platform

  2. Nel menu a sinistra, seleziona Panoramica.

Pagina delle API di Google Maps Platform

La pagina API di Google Maps include due tabelle. La tabella API abilitate mostra il numero di richieste, il numero di errori e la latenza media di ogni API abilitata negli ultimi 30 giorni. La tabella API aggiuntive elenca le API che non sono state abilitate.

api

Per accedere alla pagina delle API di Google Maps Platform:

  1. Apri la pagina di Google Maps Platform in Cloud Console:

    Vai alla pagina Google Maps Platform

  2. Nel menu a sinistra, seleziona API.

Pagina Metriche di Google Maps

Nella pagina Metriche di Google Maps sono visualizzati tre grafici: Traffico, Errori e Latenza mediana. I dati sull'utilizzo nei grafici possono essere raggruppati per codice di risposta, API, metodo API o credenziale.

Sotto i grafici, la pagina Metriche include una tabella API che mostra le richieste, gli errori e la latenza per le API selezionate.

Utilizzando il menu a discesa API in alto e le opzioni di filtro nel riquadro a destra, puoi filtrare le metriche di utilizzo visualizzate selezionando API o credenziali specifiche, Credenziali, Codici di risposta e/o Piattaforme. Puoi anche selezionare un periodo di tempo (da un'ora fino agli ultimi 30 giorni) e granularità (al secondo o al giorno) per le metriche di utilizzo visualizzate.

La pagina delle metriche che mostra tre grafici: Traffico, Errori e Latenza mediana.

Il filtro Piattaforma viene visualizzato solo quando è selezionata una singola API.

Per accedere alla pagina delle metriche dell'API di Google Maps Platform:

  1. Apri la pagina di Google Maps Platform in Cloud Console:

    Vai alla pagina Google Maps Platform

  2. Nel menu a sinistra, seleziona Metriche.

Grafici del codice di risposta

I grafici Traffico per codice di risposta ed Errore per codice di risposta suddividono l'utilizzo in base alla classe del codice di risposta. La tabella seguente mostra la mappatura tra lo stato della risposta dell'API Google Maps Platform e la classe del codice di risposta:

Stato risposta Classe codice di risposta
(2xx, 3xx, 4xx, 5xx)
Note
OK 2xx Risposta riuscita.

Si tratta di una richiesta fatturabile, pertanto consumerà la quota.
OK 3xx Risposta riuscita.

Si tratta di una richiesta fatturabile, pertanto consumerà la quota.

Ad esempio, le richieste di tipo Foto del posto restituiscono correttamente il reindirizzamento 302 all'immagine di riferimento.
DATA_NOT_AVAILABLE 2xx Risposta riuscita che indica che non sono disponibili dati per le località di inserimento.

Si tratta di una richiesta fatturabile, pertanto consumerà la quota.
ZERO_RESULTS 2xx La risposta riuscita non ha restituito alcun risultato.

Si tratta di una richiesta fatturabile, pertanto consumerà la quota.
NON_TROVATO 2xx Per l'API Directions ciò indica che almeno una delle località specificate nell'origine, destinazione o tappe della richiesta non può essere geocodificata.

Per l'API Places indica che la località di riferimento (place_id) non è stata trovata nel database di Places.

Si tratta di una richiesta fatturabile, pertanto consumerà la quota.
INVALID_REQUEST (valore del parametro non valido),
MAX_WAYPOINTS_EXCEEDED,
MAX_ROUTE_LENGTH_EXCEEDED, ecc.
4xx Errore causato da un valore parametro non valido. Controlla la risposta dell'API per ulteriori dettagli.

Si tratta di una richiesta fatturabile, pertanto consumerà la quota.
RICHIESTA_RICHIESTA 4xx Errore del client dovuto a errore di autenticazione, errore di accesso e così via. Controlla la risposta dell'API per ulteriori dettagli.
OVER_Daily_LIMIT,
OVER_QUERY_LIMIT,
RESOURCE_EXHAUSTED,
rateLimitExceeded,
DailyLimitExceeded,
userRateLimitExceeded
4xx Errore del client causato da troppe richieste per ogni periodo di tempo consentito. Riprova a eseguire la richiesta in un secondo momento. Per ulteriori dettagli, controlla la risposta dell'API.
INVALID_REQUEST (parametro non valido/mancante, errore di richiesta/analisi/convalida) 4xx Errore client causato dalla richiesta non valida. Per ulteriori dettagli, controlla la risposta dell'API.
NOT_FOUND (404) 4xx Per l'API Geolocation, ciò significa che gli input non erano sufficienti per produrre una stima della posizione.

Per l'API Roads, questo significa che non è stato possibile agganciare ragionevolmente gli input alle strade.

Si tratta di una richiesta fatturabile, pertanto utilizzerà una quota.
ERRORE_SCONOSCIUTO 5xx Errore del server che indica che la richiesta non può essere eseguita: errore interno, servizio sovraccarico, non disponibile, timeout e così via.

Per ulteriori informazioni sui codici di stato e sui messaggi di errore, consulta la documentazione delle risposte per l'API che ti interessa (ad esempio, Risposte geocodificate o Risposte indicazioni stradali).

Parametro delle soluzioni di Google Maps Platform

Google Maps Platform fornisce molti tipi di codice campione per aiutarti a iniziare rapidamente. Ad esempio, puoi utilizzare Builder rapido in Cloud Console, seguire le guide all'implementazione delle soluzioni di settore e imparare dai codelab.

Per comprendere l'utilizzo e i modi in cui migliorare le nostre soluzioni, Google include il parametro di ricerca solution_channel nelle chiamate API per raccogliere informazioni sull'utilizzo del codice campione:

  • Il parametro di ricerca solution_channel è incluso per impostazione predefinita nel codice campione della soluzione.
  • Il parametro di ricerca restituisce a Google l'analisi relativa all'adozione della soluzione per migliorare la qualità delle soluzioni nelle iterazioni future.
  • Puoi disattivare questa funzionalità eliminando il parametro di ricerca solution_channel e il relativo valore dal codice di esempio.
  • Non è necessario mantenere il parametro. La rimozione del parametro di ricerca non influisce sul rendimento.
  • Il parametro di ricerca viene utilizzato solo per i report sull'utilizzo del codice campione.
  • Il parametro di ricerca è separato da tutti i report e le analisi specifici per API. Ciò significa che la rimozione del parametro dal codice campione della soluzione non disattiverà i report interni dell'API Maps JavaScript.

Report sulle quote

Le quote impostano limiti sul numero di richieste che il progetto può effettuare alle API di Google Maps Platform. Le richieste possono essere limitate in tre modi: al giorno, al minuto e per utente al minuto. Solo le richieste riuscite e le richieste che causano errori del server vengono conteggiate nella quota. Le richieste che non superano l'autenticazione non vengono conteggiate nella quota.

L'utilizzo della quota viene visualizzato nei grafici nella pagina Quote di Cloud Console e può essere raggruppato in richieste al minuto. Gli attuali limiti di quota per le API selezionate sono visualizzati nelle tabelle sotto i grafici di utilizzo della quota.

Utilizza questo calcolatore per ottenere il valore della quota al minuto per qualsiasi prodotto dell'API GMP.

Pagina Quote di Google Maps

La pagina Quote di Google Maps mostra i limiti di quota e il consumo della quota per l'API specifica selezionata.

Il grafico di utilizzo della quota su Google Cloud Console mostra il traffico totale per le tue chiavi API e i tuoi ID client. Il traffico dell'ID client è disponibile anche nel grafico delle metriche di Cloud Console.

La pagina mostra solo le richieste che consumano quota: richieste riuscite (OK, ZERO_RESULTS, DATA_NOT_AVAILABLE) e richieste che causano errori del server (NOT_FOUND, INVALID_REQUEST/INVALID_VALUE (valore del parametro non valido), UNKNOWN_ERROR).

Le richieste che causano errori client (errori di autenticazione/autorizzazione/argomento non valido REQUEST_DENIED, OVER_QUERY_LIMIT, INVALID_REQUEST (parametro non valido, errore di analisi della richiesta)) - non consumano la quota e non vengono visualizzate.

L'unità di quota è una richiesta per la maggior parte delle API di Google Maps Platform (API di Maps Static, API Street View Static, API Geocoding, API Directions, API Places, API Time Zone, API Geolocation e API Elevation). Esistono però alcune eccezioni:

  • Per l'API DIST Matrix, l'unità di quota è un elemento che è una coppia origine-destinazione.
  • Per l'API Maps JavaScript, l'unità di quota è un caricamento mappa.
  • Per l'SDK Maps per Android e l'SDK Maps per iOS, l'unità della quota è una richiesta Street View/caricamento del panorama. I caricamenti delle mappe sono disponibili senza costi e non consumano la quota.

Screenshot della pagina Quote di Maps in Google Cloud Console. Mostra le quote per API utilizzando un selettore, quindi mostra i caricamenti mappa in relazione alle quote impostate per l'API in questione.

Per accedere alla pagina Quote di Google Maps Platform:

  1. Apri la pagina di Google Maps Platform in Cloud Console:

    Vai alla pagina Google Maps Platform

  2. Nel menu a sinistra, seleziona Quote.
  3. Seleziona un'API dall'elenco a discesa API.

Unità di quota

La tabella seguente mostra l'unità di quota per le API Google Maps Platform.

API Google Maps Platform Unità quota
Maps
Maps SDK for Android 1 panoramica
Maps SDK for iOS 1 panoramica
API Maps Static 1 richiesta
API Maps JavaScript 1 caricamento mappa
API Street View Static 1 richiesta
API Maps Embed 1 caricamento mappa
Percorsi
API Directions 1 richiesta
API Distance Matrix 1 elemento (coppia origine-destinazione)
API Roads 1 richiesta
Luoghi
API Places 1 richiesta
API Geocoding 1 richiesta
API Geolocation 1 richiesta
API Time Zone 1 richiesta

Report di fatturazione

Visualizzazione del rapporto di fatturazione

I report sulla fatturazione per l'utilizzo dei prodotti Google Maps Platform sono disponibili in Google Cloud Console (vedi Fatturazione).

Per accedere ai report di fatturazione:

  1. Apri la pagina del selettore di progetti in Cloud Console:

    Pagina del selettore progetti

  2. Seleziona un progetto.
  3. Seleziona il pulsante del menu menu e poi seleziona Fatturazione.
  4. Se hai più account di fatturazione, seleziona Vai all'account di fatturazione collegato per aprire la pagina Panoramica per l'account di fatturazione collegato.
  5. Nel menu a sinistra, seleziona Report per aprire la pagina Report di fatturazione per l'account di fatturazione collegato.

Come leggere il grafico del report di fatturazione

I report di fatturazione tracciano il costo nel tempo come un grafico a linee in pila. La visualizzazione predefinita mostra i costi giornalieri specifici per l'utilizzo del mese in corso raggruppati per progetto (per tutti i prodotti), compresi eventuali crediti specifici per utilizzo applicati, nonché il costo totale previsto per l'intero mese in corso. Ogni linea nel grafico (e nella riga della tabella di riepilogo) corrisponde al progetto, classificato in ordine decrescente. Scopri di più sull'interpretazione del grafico del report di fatturazione.

Screenshot del report di fatturazione che mostra il grafico e la tabella utilizzando la visualizzazione predefinita predefinita
Figura 1: il report di fatturazione che mostra il grafico e la tabella utilizzando la visualizzazione predefinita predefinita.

Suggerimento: analizza l'utilizzo e il costo per SKU

Per comprendere meglio i dettagli del modello di prezzi con pagamento a consumo e come influisce sulla tua implementazione, esamina l'utilizzo e il costo per SKU.

Report sulla fatturazione raggruppato per SKU
Figura 2: la tabella di fatturazione che mostra le voci relative a utilizzo e costo per SKU.
Screenshot dei filtri del report di fatturazione
Figura 3: i filtri del report di fatturazione.
Per modificare la visualizzazione dei report in modo da visualizzare gli elementi pubblicitari in base allo SKU:
  1. Nel riquadro a destra del grafico, espandi il filtro Raggruppa per.
  2. Seleziona SKU.

Altri filtri per i report di fatturazione disponibili includono Intervallo di tempo, Progetti, Prodotti, SKU e Località, che ti consentono di filtrare in base a dove vengono pubblicate le richieste API.

Per classificare l'origine dell'utilizzo in aggiunta al prodotto, raggruppa i report di fatturazione in base a uno dei valori elencati. Le tre chiavi correlate alle API di Google Maps Platform sono goog-maps-api-key-suffix (gli ultimi quattro caratteri di una chiave API), goog-maps-platform-type (la piattaforma: Android, iOS, JavaScript o webservice) e goog-maps-channel (un valore numerico impostato per il canale da una query API). Scopri di più sui filtri e sul raggruppamento.

Puoi modificare la visualizzazione del grafico in modo da escludere i crediti specifici per l'utilizzo deselezionando la casella di controllo Includi crediti nel costo nel riquadro a destra.

Monitorare e limitare i consumi

Per aiutarti a pianificare il budget e controllare i costi, puoi:

  • Imposta un avviso relativo al budget per monitorare l'aumento della spesa verso un determinato importo. L'impostazione di un budget non limita l'utilizzo dell'API, ma ti avvisa solo quando l'importo della spesa si avvicina all'importo specificato.
  • Limite di utilizzo giornaliero delle API per gestire il costo di utilizzo delle API fatturabili. Se limiti le richieste al giorno, puoi limitare la spesa. Utilizza una semplice equazione per determinare il limite giornaliero a seconda di quanto vuoi spendere. Ad esempio: (Spesa mensile /prezzo per ogni SKU)/30 = richieste per limite giornaliero (per un'API). Tieni presente che la tua implementazione può utilizzare più API fatturabili, quindi regola la tua equazione in base alle tue esigenze. Ricorda che ogni mese è disponibile un credito di Google Maps Platform di 200 $, quindi assicurati di tenerne conto nel calcolo.

Monitoraggio dell'utilizzo per canale

Per monitorare il tuo utilizzo tramite canali numerici, devi aggiungere il parametro 'channel' alle tue richieste API. Gli unici valori di canale accettabili sono i numeri da 0 a 999. Ecco alcuni esempi:

  • API Geocoding Web Service
    https://maps.googleapis.com/maps/api/geocode/json?address=1600+Amphitheatre+Parkway,+Mountain+View,+CA&key=YOUR_API_KEY&channel=1
  • API Maps JavaScript
    <script src="https://maps.googleapis.com/maps/api/js?key=YOUR_API_KEY&channel=2&callback=initMap"
    async defer></script>

Monitora l'utilizzo del canale direttamente nel report di fatturazione I canali saranno indicati in Etichette come chiave goog-maps-channel.

Filtra per etichette
Figura 4: filtra per SKU e canali
Per filtrare il report di fatturazione per SKU e canale
  1. Utilizza il filtro SKU Group by (Raggruppa per).
  2. Seleziona il cursore delle etichette.
  3. Seleziona il menu a discesa Chiave e seleziona goog-maps-channel.
  4. Seleziona il menu a discesa Valore e seleziona i canali numerici che vuoi filtrare.

Raggruppa per chiave di etichetta goog-maps-channel per visualizzare il costo generato da ogni canale.

Dopo aver implementato i dati sull'utilizzo del canale nelle richieste, potrebbe verificarsi un leggero ritardo (fino a 24 ore) prima che i dati vengano riportati nel report di fatturazione.

Esportare i dati di fatturazione con BigQuery

Puoi anche esportare i dati di fatturazione in BigQuery.

BigQuery Export consente di esportare dati di fatturazione Cloud dettagliati (come dati di utilizzo e stima dei costi) automaticamente durante la giornata in un set di dati BigQuery specificato. Successivamente, potrai accedere ai tuoi dati di fatturazione da BigQuery per un'analisi dettagliata. Questo fornisce un ulteriore livello di granularità nella comprensione dell'origine dell'utilizzo di Google Maps Platform.

Se vuoi iniziare a esportare le query BigQuery e a eseguire query sui dati, puoi provare a utilizzare la query di esempio riportata di seguito. Prima di eseguire questa query, devi:

  • Abilita la fatturazione e l'esportazione della fatturazione BigQuery nel tuo account.
  • Il formato della tabella è PROJECT_ID.DATASET_NAME.gcp_billing_exportv1BILLING_ACCOUNT_ID dove:
    • PROJECT_ID è il tuo ID progetto effettivo (ad es. "my-project-123456").
    • DATASET_NAME è il nome del set di dati che hai creato (ad esempio "SampleDataSet").
    • BILLING_ACCOUNT_ID è un riferimento dell'ID del tuo account di fatturazione, preceduto da "quot;gcp_billing_exportv1" e modificando i trattini (-) in trattini bassi (_). Ad esempio, l'ID account di fatturazione 123456-7890AB-CDEF01 diventerà gcp_billing_export_v1_123456_789AB_CDEF01.

  #standardSQL
  SELECT   Date(usage_start_time, "America/Los_Angeles") AS billing_day,
           invoice.month                                 AS invoice_month,
           service.description                           AS service,
           sku.description                               AS sku,
           (
                  SELECT l.value
                  FROM   Unnest(labels) AS l
                  WHERE  l.KEY = 'goog-maps-channel' ) AS goog_maps_channel,
           Round(Sum(usage.amount), 2)                 AS usage_amount,
           usage.unit                                  AS usage_unit,
           Round(Sum(cost), 2)                         AS cost,
           cost_type,
           currency
  FROM     PROJECT_ID.DATASET_NAME.gcp_billing_export_v1_BILLING_ACCOUNT_ID
  WHERE    invoice.month = '202002' -- Change the invoice month with the same format as the example.
  GROUP BY billing_day,
           invoice_month,
           service,
           sku,
           goog_maps_channel,
           usage_unit,
           cost_type,
           currency
  ORDER BY billing_day,
           service,
           sku
  

Fatturazione Cloud:

Google Maps Platform:

Stato delle risposte e rapporti

La tabella di seguito elenca lo stato della risposta, la classe del codice di risposta HTTP, la classe del codice di risposta HTTP nel report di utilizzo e indica se la richiesta corrispondente viene visualizzata nei report Utilizzo, Quota e Fatturazione.

Stato risposta Classe codice di risposta HTTP
(2xx, 3xx, 4xx, 5xx)
Classe codice di risposta HTTP - Report di utilizzo
(2xx, 3xx, 4xx, 5xx)
Report di utilizzo Report sulle quote Report di fatturazione
OK 2xx,
3xx
2xx,
3xx
DATA_NOT_AVAILABLE,
NOT_FOUND,
ZERO_RESULTS
2xx 2xx
NOT_FOUND (API di Street View statiche, di geolocalizzazione e strade),
ZERO_RESULTS (API di Street View statica)
4xx 4xx
INVALID_REQUEST (valore del parametro non valido),
MAX_ROUTE_LENGTH_EXCEEDED,
MAX_WAYPOINTS_EXCEEDED,
ecc.
2xx/4xx 4xx
INVALID_REQUEST (parametro non valido/mancante, errore di analisi della richiesta) 2xx/4xx 4xx No No
RICHIESTA_RICHIESTA 2xx/4xx 4xx No No
OVER_Daily_LIMIT,
OVER_QUERY_LIMIT,
RESOURCE_EXHAUSTED,
DailyLimitExceeded,
rateLimitExceeded,
userRateLimitExceeded
2xx/4xx 4xx No No
ERRORE_SCONOSCIUTO 2xx/5xx 5xx No

Report Coinvolgimento

Per gli utenti di Locator Plus, una dashboard di analisi consente di analizzare e generare informazioni dai dati per offrire un quadro chiaro dell'interazione degli acquirenti con lo store locator. Puoi misurare il rendimento su base settimanale, compreso il numero di visualizzazioni, il numero di interazioni con la Ricerca e i dettagli sul luogo e il tasso di coinvolgimento complessivo. Inoltre, la dashboard fornisce benchmark importanti rispetto alla tua implementazione rispetto ad altri retailer.

Il report Analisi comparativa ti consente di confrontare i dati con i dati di settore aggregati raccolti da altre aziende che condividono i propri dati. Il confronto fornisce un contesto prezioso, aiutandoti a impostare obiettivi significativi, ottenere informazioni sulle tendenze del settore e scoprire il tuo rendimento rispetto alla concorrenza.

Per visualizzare i dati di benchmarking, i dati sul coinvolgimento sono inclusi in modo anonimo nei benchmark di Google. Per disattivare la visualizzazione e l'inclusione anonima dei dati sul coinvolgimento nei report di benchmarking, invia una richiesta di assistenza. Il ticket di assistenza viene generalmente risolto entro 3 giorni.