Eseguire la migrazione ai servizi Google Identity

Mantieni tutto organizzato con le raccolte Salva e classifica i contenuti in base alle tue preferenze.

Panoramica

Per ottenere un token di accesso per utente per chiamare le API di Google, Google offre più librerie JavaScript:

Questa guida fornisce le istruzioni per eseguire la migrazione da queste librerie alla libreria dei servizi di identità Google.

Se segui questa guida:

  • Sostituire la libreria Platform deprecata con la libreria Identity Services e
  • se utilizzi la libreria client API, rimuovi il modulo gapi.auth2 deprecato, i relativi metodi e oggetti, sostituendoli con equivalenti di Identity Services.

Per una descrizione di cosa è cambiato con la libreria JavaScript di Identity Services, consulta la panoramica e il funzionamento dell'autorizzazione dell'utente per esaminare i concetti e i termini chiave.

Se stai cercando l'autenticazione per la registrazione e l'accesso dell'utente, consulta invece Eseguire la migrazione da Accedi con Google.

Identifica il flusso delle autorizzazioni

Esistono due possibili flussi di autorizzazione degli utenti: implicito e codice di autorizzazione.

Esamina la tua app web per identificare il tipo di flusso di autorizzazione attualmente in uso.

Indica che la tua app web utilizza il flusso implicito:

  • La tua app web è basata esclusivamente sul browser, senza alcuna piattaforma di backend.
  • L'utente deve essere presente per chiamare le API di Google, la tua app utilizza solo token di accesso e non richiede token di aggiornamento.
  • La tua app web carica apis.google.com/js/api.js.
  • La tua implementazione si basa su OAuth 2.0 per le applicazioni web lato client.
  • L'app utilizza il modulo gapi.client o gapi.auth2 nella libreria client dell'API di Google per JavaScript.

Indica che la tua app web utilizza il flusso del codice di autorizzazione:

  • La tua implementazione si basa su:

  • L'app viene eseguita sia nel browser dell'utente sia nella piattaforma di backend.

  • La tua piattaforma di backend ospita un endpoint del codice di autorizzazione.

  • La tua piattaforma di backend chiama le API di Google per conto degli utenti senza che sia necessario che siano presenti, note anche come modalità offline.

  • I token di aggiornamento vengono gestiti e archiviati dalla piattaforma di backend.

In alcuni casi, il tuo codebase potrebbe supportare entrambi i flussi.

Scegli un flusso di autorizzazione

Prima di iniziare la migrazione, devi determinare se continuare con il flusso esistente o adottare un flusso diverso soddisfa le tue esigenze.

Consulta la pagina relativa alla scelta di un flusso di autorizzazione per comprendere le principali differenze e i compromessi tra i due flussi.

Nella maggior parte dei casi, il flusso del codice di autorizzazione è consigliato in quanto offre il massimo livello di sicurezza dell'utente. L'implementazione di questo flusso consente inoltre alla piattaforma di aggiungere più facilmente nuove funzionalità offline, come il recupero degli aggiornamenti, per notificare agli utenti le modifiche importanti apportate al calendario, alle foto, agli abbonamenti e così via.

Scegli un flusso di autorizzazione utilizzando i selettori riportati di seguito.

Flusso implicito

Ottenere un token di accesso per l'utilizzo nel browser quando l'utente è presente.

Gli esempi di flusso implicito mostrano le app web prima e dopo la migrazione ai servizi Identity.

Flusso codice di autorizzazione

Il codice di autorizzazione per utente emesso da Google viene inviato alla tua piattaforma di backend, dove viene scambiato con un token di accesso e un token di aggiornamento.

Gli esempi di flusso del codice di autorizzazione mostrano le app web prima e dopo la migrazione ai servizi Identity.

In questa guida, segui le istruzioni in grassetto per aggiungere, rimuovere, aggiornare o sostituire le funzionalità esistenti.

Modifiche alla tua app web nel browser

Questa sezione esamina le modifiche che apporterai alla tua app web nel browser durante la migrazione alla libreria JavaScript di Google Identity Services.

Identificazione del codice e test interessati

Un cookie di debug può aiutarti a individuare il codice interessato e a testare il comportamento successivo al ritiro.

Nelle app di grandi dimensioni o complesse può essere difficile trovare tutto il codice interessato dal ritiro del modulo gapi.auth2. Per registrare l'utilizzo esistente della funzionalità presto da ritirare nella console, imposta il valore del cookie G_AUTH2_MIGRATION su informational. Facoltativamente, aggiungi i due punti seguiti da una coppia chiave-valore per accedere anche all'archiviazione della sessione. Dopo l'accesso e la ricezione della revisione delle credenziali o invia i log raccolti a un backend per un'analisi successiva. Ad esempio, informational:showauth2use salva origine e URL in una chiave di archiviazione della sessione denominata showauth2use.

Per verificare il comportamento dell'app quando il modulo gapi.auth2 non viene più caricato, imposta il valore del cookie G_AUTH2_MIGRATION su enforced. In questo modo puoi testare il comportamento post-ritiro prima della data di applicazione delle norme.

Possibili valori dei cookie G_AUTH2_MIGRATION:

  • enforced Non caricare il modulo gapi.auth2.
  • informational Registra l'uso della funzionalità deprecata nella console JS. Accedi anche allo spazio di archiviazione della sessione quando è impostato un nome chiave facoltativo: informational:key-name.

Per ridurre al minimo l'impatto degli utenti, ti consigliamo di impostare questo cookie localmente durante lo sviluppo e il test, prima di utilizzarlo in ambienti di produzione.

Librerie e moduli

Il modulo gapi.auth2 gestisce l'autenticazione degli utenti per l'accesso e il flusso implicito per l'autorizzazione, sostituisce il modulo obsoleto, nonché i relativi oggetti e metodi con la libreria Google Identity Services.

Aggiungi la libreria Identity Services alla tua app web includendola nel documento:

<script src="https://accounts.google.com/gsi/client" async defer></script>

Rimuovi tutte le istanze di caricamento del modulo auth2 utilizzando gapi.load('auth2', function).

La libreria dei servizi di identità Google sostituisce l'utilizzo del modulo gapi.auth2. Puoi continuare a utilizzare il modulo gapi.client dalla libreria client dell'API di Google per JavaScript e sfruttare la creazione automatica di metodi JS richiamabili da un documento di rilevamento, la batch di più chiamate API e la funzionalità di gestione CORS.

Cookie

L'autorizzazione dell'utente non richiede l'uso di cookie.

Per informazioni dettagliate su come l'autenticazione degli utenti utilizza i cookie, consulta Migrazione da Accedi con Google e Modalità di utilizzo dei cookie da parte di Google per altri prodotti e servizi Google.

Credenziali

Google Identity Services separa l'autenticazione e l'autorizzazione degli utenti in due operazioni distinte e le credenziali utente sono distinte: il token ID utilizzato per identificare un utente viene restituito separatamente dal token di accesso utilizzato per l'autorizzazione.

Per visualizzare queste modifiche, vedi credenziali di esempio.

Flusso implicito

Separa l'autenticazione e l'autorizzazione degli utenti rimuovendo la gestione del profilo utente dai flussi di autorizzazione.

Rimuovi questi riferimenti dei client JavaScript di Accedi con Google:

Metodi

  • GoogleUser.getBasicProfile()
  • GoogleUser.getId()

Flusso codice di autorizzazione

I servizi di identità separano le credenziali nel browser in token ID e token di accesso. Questa modifica non si applica alle credenziali ottenute tramite chiamate dirette agli endpoint Google OAuth 2.0 dalla tua piattaforma di backend o tramite librerie in esecuzione su un server sicuro sulla tua piattaforma, ad esempio il client Node.js delle API di Google.

Stato sessione

In precedenza, Accedi con Google ti aiutava a gestire lo stato dell'accesso degli utenti utilizzando:

Sei responsabile della gestione dello stato dell'accesso e delle sessioni utente nella tua app web.

Rimuovi questi riferimenti dei client JavaScript di Accedi con Google:

Oggetti:

  • gapi.auth2.SignInOptions

Metodi:

  • GoogleAuth.attachClickHandler()
  • GoogleAuth.isSignedIn()
  • GoogleAuth.isSignedIn.get()
  • GoogleAuth.isSignedIn.listen()
  • GoogleAuth.signIn()
  • GoogleAuth.signOut()
  • GoogleAuth.currentUser.get()
  • GoogleAuth.currentUser.listen()
  • GoogleUser.isSignedIn()

Configurazione client

Aggiorna l'app web per inizializzare un client token per il flusso del codice di autorizzazione o implicito.

Rimuovi questi riferimenti dei client JavaScript di Accedi con Google:

Oggetti:

  • gapi.auth2.ClientConfig
  • gapi.auth2.OfflineAccessOptions

Metodi:

  • gapi.auth2.getAuthInstance()
  • GoogleUser.grant()

Flusso implicito

Aggiungi un oggetto TokenClientConfig e chiama initTokenClient() per configurare la tua app web, seguendo l'esempio in inizializzazione di un client token.

Sostituisci i riferimenti client JavaScript di Accedi con Google con i servizi di identità Google:

Oggetti:

  • gapi.auth2.AuthorizeConfig con TokenClientConfig

Metodi:

  • gapi.auth2.init() con google.accounts.oauth2.initTokenClient()

Parametri:

  • gapi.auth2.AuthorizeConfig.login_hint con TokenClientConfig.hint.
  • gapi.auth2.GoogleUser.getHostedDomain() con TokenClientConfig.hosted_domain.

Flusso codice di autorizzazione

Aggiungi un oggetto CodeClientConfig e una chiamata initCodeClient() per configurare l'app web, seguendo l'esempio nell'inizializzazione di un Client codice.

Quando passi dal flusso implicito al flusso del codice di autorizzazione:

Rimuovi Riferimenti del client JavaScript di Accedi con Google

Oggetti:

  • gapi.auth2.AuthorizeConfig

Metodi:

  • gapi.auth2.init()

Parametri:

  • gapi.auth2.AuthorizeConfig.login_hint
  • gapi.auth2.GoogleUser.getHostedDomain()

Richiesta di token

Un gesto dell'utente, ad esempio un clic su un pulsante, genera una richiesta che comporta la restituzione di un token di accesso direttamente nel browser dell'utente con il flusso implicito o nella piattaforma di backend dopo lo scambio di un codice di autorizzazione per utente con un token di accesso e un token di aggiornamento.

Flusso implicito

I token di accesso possono essere ottenuti e utilizzati nel browser quando l'utente ha eseguito l'accesso e ha una sessione attiva con Google. Per la modalità implicita, è necessario un gesto dell'utente per richiedere un token di accesso, anche se esiste una richiesta precedente.

Sostituisci Riferimenti client JavaScript di Accedi con Google: con Servizi di Google Identity:

Metodi:

  • gapi.auth2.authorize() con TokenClient.requestAccessToken()
  • GoogleUser.reloadAuthResponse() con TokenClient.requestAccessToken()

Aggiungi un link o un pulsante per chiamare requestAccessToken() per avviare il flusso dell'esperienza utente popup per richiedere un token di accesso o per ottenere un nuovo token quando questo è esistente.

Aggiorna il tuo codebase per:

  • Attiva il flusso del token OAuth 2.0 con requestAccessToken().
  • Supporta l'autorizzazione incrementale utilizzando requestAccessToken e OverridableTokenClientConfig per separare una richiesta per più ambiti in più richieste più piccole.
  • Richiedi un nuovo token quando scade o viene revocato.

L'utilizzo di più ambiti può richiedere modifiche strutturali al codebase per richiedere l'accesso solo agli ambiti necessari (anziché tutti contemporaneamente), questa operazione è nota come autorizzazione incrementale. Ogni richiesta deve contenere il minor numero possibile di ambiti e, idealmente, un singolo ambito. Scopri come gestire il consenso degli utenti per scoprire di più su come aggiornare l'app per ottenere un'autorizzazione incrementale.

Quando un token di accesso scade, il modulo gapi.auth2 ottiene automaticamente un nuovo token di accesso valido per la tua app web. Per migliorare la sicurezza degli utenti, questo processo di aggiornamento automatico del token non è supportato dalla libreria dei servizi di Google Identity. La tua app web deve essere aggiornata per rilevare un token di accesso scaduto e richiederne uno nuovo. Per ulteriori informazioni, consulta la sezione Gestione token riportata di seguito.

Flusso codice di autorizzazione

Aggiungi un link o un pulsante per chiamare requestCode() per richiedere un codice di autorizzazione a Google. Per un esempio, consulta Attivazione del flusso del codice OAuth 2.0.

Consulta la sezione sulla gestione dei token riportata di seguito per ulteriori informazioni su come rispondere a un token di accesso scaduto o revocato.

Gestione dei token

Aggiungi gestione degli errori per rilevare le chiamate API di Google non riuscite quando viene utilizzato un token di accesso scaduto o revocato e per richiedere un nuovo token di accesso valido.

Le API di Google restituiscono un codice di stato HTTP 401 Unauthorized e invalid_token quando viene utilizzato un token di accesso scaduto o revocato. Per un esempio, consulta la sezione Risposta al token non valida.

Token scaduti

I token di accesso hanno una breve durata e spesso sono validi solo per alcuni minuti.

Revoca token

Il proprietario di un Account Google può revocare in qualsiasi momento il consenso concesso in precedenza. Questa operazione invalida i token di accesso e i token di aggiornamento esistenti. La revoca può essere attivata dalla piattaforma utilizzando revoke() o tramite un Account Google.

Sostituisci Riferimenti client JavaScript di Accedi con Google: con Servizi di Google Identity:

Metodi:

  • getAuthInstance().disconnect() con google.accounts.oauth2.revoke()
  • GoogleUser.disconnect() con google.accounts.oauth2.revoke()

Chiama il numero revoke quando un utente elimina il proprio account sulla tua piattaforma o vuole rimuovere il consenso a condividere i dati con la tua app.

Google mostra una finestra di dialogo per il consenso all'utente quando la tua app web o la tua piattaforma di backend richiede un token di accesso. Vedi le finestre di dialogo per il consenso mostrate da Google agli utenti.

Prima di emettere un token di accesso alla tua app, è necessaria una sessione Google esistente e attiva per richiedere il consenso dell'utente e registrare il risultato. All'utente potrebbe essere richiesto di accedere a un Account Google se non è già stata stabilita una sessione esistente.

Accesso utente

Gli utenti possono accedere a un Account Google in una scheda separata del browser o in modo nativo tramite un browser o un sistema operativo. Ti consigliamo di aggiungere l'opzione Accedi con Google al tuo sito per stabilire una sessione attiva tra un Account Google e il browser quando l'utente apre per la prima volta l'app. Ciò offre i seguenti vantaggi:

  • Riduce al minimo il numero di volte in cui un utente deve eseguire l'accesso. La richiesta di un token di accesso avvia la procedura di accesso all'Account Google se non esiste già una sessione attiva.
  • Utilizza direttamente il campo credenziale email del token ID JWT come valore del parametro hint negli oggetti CodeClientConfig o TokenClientConfig. Ciò è particolarmente utile se la tua piattaforma non mantiene un sistema di gestione degli account utente.
  • Cerca e associa un Account Google a un account utente locale esistente sulla tua piattaforma, in modo da ridurre al minimo gli account duplicati sulla piattaforma.
  • Quando viene creato un nuovo account locale, le finestre di dialogo e il flusso di registrazione possono essere chiaramente separati dalle finestre di dialogo e dai flussi di autenticazione degli utenti, riducendo il numero di passaggi richiesti e migliorando il tasso di abbandono.

Dopo l'accesso e prima che venga emesso un token di accesso, gli utenti devono fornire il consenso per la tua applicazione per gli ambiti richiesti.

Dopo il consenso, viene restituito un token di accesso insieme a un elenco di ambiti approvati o rifiutati dall'utente.

Le autorizzazioni granulari consentono agli utenti di approvare o rifiutare singoli ambiti. Quando richiedi l'accesso a più ambiti, ogni ambito viene concesso o rifiutato indipendentemente dagli altri ambiti. In base alla scelta dell'utente, la tua app attiva in modo selettivo le caratteristiche e le funzionalità che dipendono da un singolo ambito.

Flusso implicito

Sostituisci i riferimenti client JavaScript di Accedi con Google con i servizi di identità Google:

Oggetti:

  • gapi.auth2.AuthorizeResponse con TokenClient.TokenResponse
  • gapi.auth2.AuthResponse con TokenClient.TokenResponse

Metodi:

  • GoogleUser.hasGrantedScopes() con google.accounts.oauth2.hasGrantedAllScopes()
  • GoogleUser.getGrantedScopes() con google.accounts.oauth2.hasGrantedAllScopes()

Rimuovi Riferimenti del client JavaScript di Accedi con Google:

Metodi:

  • GoogleUser.getAuthResponse()

Aggiorna la tua app web con hasGrantedAllScopes() e hasGrantedAnyScope() seguendo questo esempio di autorizzazioni granulari.

Flusso codice di autorizzazione

Aggiorna o aggiungi un endpoint del codice di autorizzazione alla tua piattaforma di backend seguendo le istruzioni in gestione del codice di autorizzazione.

Aggiorna la tua piattaforma per seguire i passaggi descritti nella guida all'uso del modello di codice per convalidare la richiesta e ottenere un token di accesso e un token di aggiornamento.

Aggiorna la tua piattaforma per attivare o disattivare selettivamente funzionalità e funzionalità in base ai singoli ambiti approvati dall'utente seguendo le istruzioni per l'autorizzazione incrementale e gli ambiti di accesso concessi dall'utente.

Esempi di flusso implicito

La vecchia maniera

Libreria client GAPI

Esempio della libreria client dell'API di Google per JavaScript in esecuzione nel browser utilizzando una finestra di dialogo popup per il consenso dell'utente.

Il modulo gapi.auth2 viene caricato e utilizzato automaticamente da gapi.client.init(), pertanto è nascosto.

<!DOCTYPE html>
  <html>
    <head>
      <script src="https://apis.google.com/js/api.js"></script>
      <script>
        function start() {
          gapi.client.init({
            'apiKey': 'YOUR_API_KEY',
            'clientId': 'YOUR_CLIENT_ID',
            'scope': 'https://www.googleapis.com/auth/cloud-translation',
            'discoveryDocs': ['https://www.googleapis.com/discovery/v1/apis/translate/v2/rest'],
          }).then(function() {
            // Execute an API request which is returned as a Promise.
            // The method name language.translations.list comes from the API discovery.
            return gapi.client.language.translations.list({
              q: 'hello world',
              source: 'en',
              target: 'de',
            });
          }).then(function(response) {
            console.log(response.result.data.translations[0].translatedText);
          }, function(reason) {
            console.log('Error: ' + reason.result.error.message);
          });
        };

        // Load the JavaScript client library and invoke start afterwards.
        gapi.load('client', start);
      </script>
    </head>
    <body>
      <div id="results"></div>
    </body>
  </html>

Libreria client JS

OAuth 2.0 per le applicazioni web lato client in esecuzione nel browser utilizzando una finestra di dialogo popup per il consenso dell'utente.

Il modulo gapi.auth2 viene caricato manualmente.

<!DOCTYPE html>
<html><head></head><body>
<script>
  var GoogleAuth;
  var SCOPE = 'https://www.googleapis.com/auth/drive.metadata.readonly';
  function handleClientLoad() {
    // Load the API's client and auth2 modules.
    // Call the initClient function after the modules load.
    gapi.load('client:auth2', initClient);
  }

  function initClient() {
    // In practice, your app can retrieve one or more discovery documents.
    var discoveryUrl = 'https://www.googleapis.com/discovery/v1/apis/drive/v3/rest';

    // Initialize the gapi.client object, which app uses to make API requests.
    // Get API key and client ID from API Console.
    // 'scope' field specifies space-delimited list of access scopes.
    gapi.client.init({
        'apiKey': 'YOUR_API_KEY',
        'clientId': 'YOUR_CLIENT_ID',
        'discoveryDocs': [discoveryUrl],
        'scope': SCOPE
    }).then(function () {
      GoogleAuth = gapi.auth2.getAuthInstance();

      // Listen for sign-in state changes.
      GoogleAuth.isSignedIn.listen(updateSigninStatus);

      // Handle initial sign-in state. (Determine if user is already signed in.)
      var user = GoogleAuth.currentUser.get();
      setSigninStatus();

      // Call handleAuthClick function when user clicks on
      //      "Sign In/Authorize" button.
      $('#sign-in-or-out-button').click(function() {
        handleAuthClick();
      });
      $('#revoke-access-button').click(function() {
        revokeAccess();
      });
    });
  }

  function handleAuthClick() {
    if (GoogleAuth.isSignedIn.get()) {
      // User is authorized and has clicked "Sign out" button.
      GoogleAuth.signOut();
    } else {
      // User is not signed in. Start Google auth flow.
      GoogleAuth.signIn();
    }
  }

  function revokeAccess() {
    GoogleAuth.disconnect();
  }

  function setSigninStatus() {
    var user = GoogleAuth.currentUser.get();
    var isAuthorized = user.hasGrantedScopes(SCOPE);
    if (isAuthorized) {
      $('#sign-in-or-out-button').html('Sign out');
      $('#revoke-access-button').css('display', 'inline-block');
      $('#auth-status').html('You are currently signed in and have granted ' +
          'access to this app.');
    } else {
      $('#sign-in-or-out-button').html('Sign In/Authorize');
      $('#revoke-access-button').css('display', 'none');
      $('#auth-status').html('You have not authorized this app or you are ' +
          'signed out.');
    }
  }

  function updateSigninStatus() {
    setSigninStatus();
  }
</script>

<button id="sign-in-or-out-button"
        style="margin-left: 25px">Sign In/Authorize</button>
<button id="revoke-access-button"
        style="display: none; margin-left: 25px">Revoke access</button>

<div id="auth-status" style="display: inline; padding-left: 25px"></div><hr>

<script src="https://ajax.googleapis.com/ajax/libs/jquery/1.11.3/jquery.min.js"></script>
<script async defer src="https://apis.google.com/js/api.js"
        onload="this.onload=function(){};handleClientLoad()"
        onreadystatechange="if (this.readyState === 'complete') this.onload()">
</script>
</body></html>

Endpoint OAuth 2.0

OAuth 2.0 per le applicazioni web lato client in esecuzione nel browser con reindirizzamenti a Google per il consenso degli utenti.

Questo esempio mostra le chiamate dirette agli endpoint OAuth 2.0 di Google dal browser dell'utente e non utilizza il modulo gapi.auth2 o una libreria JavaScript.

<!DOCTYPE html>
<html><head></head><body>
<script>
  var YOUR_CLIENT_ID = 'REPLACE_THIS_VALUE';
  var YOUR_REDIRECT_URI = 'REPLACE_THIS_VALUE';
  var fragmentString = location.hash.substring(1);

  // Parse query string to see if page request is coming from OAuth 2.0 server.
  var params = {};
  var regex = /([^&=]+)=([^&]*)/g, m;
  while (m = regex.exec(fragmentString)) {
    params[decodeURIComponent(m[1])] = decodeURIComponent(m[2]);
  }
  if (Object.keys(params).length > 0) {
    localStorage.setItem('oauth2-test-params', JSON.stringify(params) );
    if (params['state'] && params['state'] == 'try_sample_request') {
      trySampleRequest();
    }
  }

  // If there's an access token, try an API request.
  // Otherwise, start OAuth 2.0 flow.
  function trySampleRequest() {
    var params = JSON.parse(localStorage.getItem('oauth2-test-params'));
    if (params && params['access_token']) {
      var xhr = new XMLHttpRequest();
      xhr.open('GET',
          'https://www.googleapis.com/drive/v3/about?fields=user&' +
          'access_token=' + params['access_token']);
      xhr.onreadystatechange = function (e) {
        if (xhr.readyState === 4 && xhr.status === 200) {
          console.log(xhr.response);
        } else if (xhr.readyState === 4 && xhr.status === 401) {
          // Token invalid, so prompt for user permission.
          oauth2SignIn();
        }
      };
      xhr.send(null);
    } else {
      oauth2SignIn();
    }
  }

  /*
   * Create form to request access token from Google's OAuth 2.0 server.
   */
  function oauth2SignIn() {
    // Google's OAuth 2.0 endpoint for requesting an access token
    var oauth2Endpoint = 'https://accounts.google.com/o/oauth2/v2/auth';

    // Create element to open OAuth 2.0 endpoint in new window.
    var form = document.createElement('form');
    form.setAttribute('method', 'GET'); // Send as a GET request.
    form.setAttribute('action', oauth2Endpoint);

    // Parameters to pass to OAuth 2.0 endpoint.
    var params = {'client_id': YOUR_CLIENT_ID,
                  'redirect_uri': YOUR_REDIRECT_URI,
                  'scope': 'https://www.googleapis.com/auth/drive.metadata.readonly',
                  'state': 'try_sample_request',
                  'include_granted_scopes': 'true',
                  'response_type': 'token'};

    // Add form parameters as hidden input values.
    for (var p in params) {
      var input = document.createElement('input');
      input.setAttribute('type', 'hidden');
      input.setAttribute('name', p);
      input.setAttribute('value', params[p]);
      form.appendChild(input);
    }

    // Add form to page and submit it to open the OAuth 2.0 endpoint.
    document.body.appendChild(form);
    form.submit();
  }
</script>

<button onclick="trySampleRequest();">Try sample request</button>
</body></html>

La nuova modalità

Solo GIS

In questo esempio viene mostrata solo la libreria JavaScript del servizio Google Identity che utilizza il modello di token e la finestra di dialogo popup per il consenso dell'utente. Viene fornito per illustrare il numero minimo di passaggi necessari per configurare un client, richiedere e ottenere un token di accesso e chiamare un'API di Google.

<!DOCTYPE html>
<html>
  <head>
    <script src="https://accounts.google.com/gsi/client" onload="initClient()" async defer></script>
  </head>
  <body>
    <script>
      var client;
      var access_token;

      function initClient() {
        client = google.accounts.oauth2.initTokenClient({
          client_id: 'YOUR_CLIENT_ID',
          scope: 'https://www.googleapis.com/auth/calendar.readonly \
                  https://www.googleapis.com/auth/contacts.readonly',
          callback: (tokenResponse) => {
            access_token = tokenResponse.access_token;
          },
        });
      }
      function getToken() {
        client.requestAccessToken();
      }
      function revokeToken() {
        google.accounts.oauth2.revoke(access_token, () => {console.log('access token revoked')});
      }
      function loadCalendar() {
        var xhr = new XMLHttpRequest();
        xhr.open('GET', 'https://www.googleapis.com/calendar/v3/calendars/primary/events');
        xhr.setRequestHeader('Authorization', 'Bearer ' + access_token);
        xhr.send();
      }
    </script>
    <h1>Google Identity Services Authorization Token model</h1>
    <button onclick="getToken();">Get access token</button><br><br>
    <button onclick="loadCalendar();">Load Calendar</button><br><br>
    <button onclick="revokeToken();">Revoke token</button>
  </body>
</html>

GAPI asincrono/aattesa

L'esempio seguente mostra come aggiungere la libreria dei servizi di identità Google utilizzando il modello di token, rimuovere il modulo gapi.auth2 e chiamare un'API utilizzando la libreria client dell'API di Google per JavaScript.

Promesse, asincroni e attese vengono utilizzati per applicare l'ordine di caricamento delle librerie e per individuare errori e riprovare per l'autorizzazione. Una chiamata API viene effettuata solo dopo che è disponibile un token di accesso valido.

Gli utenti sono tenuti a premere il pulsante 'Mostra calendario' quando il token di accesso manca quando la pagina viene caricata per la prima volta o in un secondo momento dopo che il token di accesso è scaduto.

<!DOCTYPE html>
<html>
<head></head>
<body>
  <h1>GAPI with GIS async/await</h1>
  <button id="showEventsBtn" onclick="showEvents();">Show Calendar</button><br><br>
  <button id="revokeBtn" onclick="revokeToken();">Revoke access token</button>

  <script>

    const gapiLoadPromise = new Promise((resolve, reject) => {
      gapiLoadOkay = resolve;
      gapiLoadFail = reject;
    });
    const gisLoadPromise = new Promise((resolve, reject) => {
      gisLoadOkay = resolve;
      gisLoadFail = reject;
    });

    var tokenClient;

    (async () => {
      document.getElementById("showEventsBtn").style.visibility="hidden";
      document.getElementById("revokeBtn").style.visibility="hidden";

      // First, load and initialize the gapi.client
      await gapiLoadPromise;
      await new Promise((resolve, reject) => {
        // NOTE: the 'auth2' module is no longer loaded.
        gapi.load('client', {callback: resolve, onerror: reject});
      });
      await gapi.client.init({
        // NOTE: OAuth2 'scope' and 'client_id' parameters have moved to initTokenClient().
      })
      .then(function() {  // Load the Calendar API discovery document.
        gapi.client.load('https://www.googleapis.com/discovery/v1/apis/calendar/v3/rest');
      });

      // Now load the GIS client
      await gisLoadPromise;
      await new Promise((resolve, reject) => {
        try {
          tokenClient = google.accounts.oauth2.initTokenClient({
              client_id: 'YOUR_CLIENT_ID',
              scope: 'https://www.googleapis.com/auth/calendar.readonly',
              prompt: 'consent',
              callback: '',  // defined at request time in await/promise scope.
          });
          resolve();
        } catch (err) {
          reject(err);
        }
      });

      document.getElementById("showEventsBtn").style.visibility="visible";
      document.getElementById("revokeBtn").style.visibility="visible";
    })();

    async function getToken(err) {

      if (err.result.error.code == 401 || (err.result.error.code == 403) &&
          (err.result.error.status == "PERMISSION_DENIED")) {

        // The access token is missing, invalid, or expired, prompt for user consent to obtain one.
        await new Promise((resolve, reject) => {
          try {
            // Settle this promise in the response callback for requestAccessToken()
            tokenClient.callback = (resp) => {
              if (resp.error !== undefined) {
                reject(resp);
              }
              // GIS has automatically updated gapi.client with the newly issued access token.
              console.log('gapi.client access token: ' + JSON.stringify(gapi.client.getToken()));
              resolve(resp);
            };
            tokenClient.requestAccessToken();
          } catch (err) {
            console.log(err)
          }
        });
      } else {
        // Errors unrelated to authorization: server errors, exceeding quota, bad requests, and so on.
        throw new Error(err);
      }
    }

    function showEvents() {

      // Try to fetch a list of Calendar events. If a valid access token is needed,
      // prompt to obtain one and then retry the original request.
      gapi.client.calendar.events.list({ 'calendarId': 'primary' })
      .then(calendarAPIResponse => console.log(JSON.stringify(calendarAPIResponse)))
      .catch(err  => getToken(err))  // for authorization errors obtain an access token
      .then(retry => gapi.client.calendar.events.list({ 'calendarId': 'primary' }))
      .then(calendarAPIResponse => console.log(JSON.stringify(calendarAPIResponse)))
      .catch(err  => console.log(err));   // cancelled by user, timeout, etc.
    }

    function revokeToken() {
      let cred = gapi.client.getToken();
      if (cred !== null) {
        google.accounts.oauth2.revoke(cred.access_token, () => {console.log('Revoked: ' + cred.access_token)});
        gapi.client.setToken('');
      }
    }

  </script>

  <script async defer src="https://apis.google.com/js/api.js" onload="gapiLoadOkay()" onerror="gapiLoadFail(event)"></script>
  <script async defer src="https://accounts.google.com/gsi/client" onload="gisLoadOkay()" onerror="gisLoadFail(event)"></script>

</body>
</html>

callback GAPI

L'esempio seguente mostra come aggiungere la libreria dei servizi di identità Google utilizzando il modello di token, rimuovere il modulo gapi.auth2 e chiamare un'API utilizzando la libreria client dell'API di Google per JavaScript.

Le variabili vengono utilizzate per applicare l'ordine di caricamento della libreria. Le chiamate GAPI vengono effettuate dall'interno del callback dopo che viene restituito un token di accesso valido.

Gli utenti devono premere il pulsante Mostra Calendar quando la pagina viene caricata per la prima volta e, di nuovo, quando vogliono aggiornare le loro informazioni di Calendar.

<!DOCTYPE html>
<html>
<head>
  <script async defer src="https://apis.google.com/js/api.js" onload="gapiLoad()"></script>
  <script async defer src="https://accounts.google.com/gsi/client" onload="gisInit()"></script>
</head>
<body>
  <h1>GAPI with GIS callbacks</h1>
  <button id="showEventsBtn" onclick="showEvents();">Show Calendar</button><br><br>
  <button id="revokeBtn" onclick="revokeToken();">Revoke access token</button>
  <script>
    let tokenClient;
    let gapiInited;
    let gisInited;

    document.getElementById("showEventsBtn").style.visibility="hidden";
    document.getElementById("revokeBtn").style.visibility="hidden";

    function checkBeforeStart() {
       if (gapiInited && gisInited){
          // Start only when both gapi and gis are initialized.
          document.getElementById("showEventsBtn").style.visibility="visible";
          document.getElementById("revokeBtn").style.visibility="visible";
       }
    }

    function gapiInit() {
      gapi.client.init({
        // NOTE: OAuth2 'scope' and 'client_id' parameters have moved to initTokenClient().
      })
      .then(function() {  // Load the Calendar API discovery document.
        gapi.client.load('https://www.googleapis.com/discovery/v1/apis/calendar/v3/rest');
        gapiInited = true;
        checkBeforeStart();
      });
    }

    function gapiLoad() {
        gapi.load('client', gapiInit)
    }

    function gisInit() {
     tokenClient = google.accounts.oauth2.initTokenClient({
                client_id: 'YOUR_CLIENT_ID',
                scope: 'https://www.googleapis.com/auth/calendar.readonly',
                callback: '',  // defined at request time
            });
      gisInited = true;
      checkBeforeStart();
    }

    function showEvents() {

      tokenClient.callback = (resp) => {
        if (resp.error !== undefined) {
          throw(resp);
        }
        // GIS has automatically updated gapi.client with the newly issued access token.
        console.log('gapi.client access token: ' + JSON.stringify(gapi.client.getToken()));

        gapi.client.calendar.events.list({ 'calendarId': 'primary' })
        .then(calendarAPIResponse => console.log(JSON.stringify(calendarAPIResponse)))
        .catch(err => console.log(err));

        document.getElementById("showEventsBtn").innerText = "Refresh Calendar";
      }

      // Conditionally ask users to select the Google Account they'd like to use,
      // and explicitly obtain their consent to fetch their Calendar.
      // NOTE: To request an access token a user gesture is necessary.
      if (gapi.client.getToken() === null) {
        // Prompt the user to select an Google Account and asked for consent to share their data
        // when establishing a new session.
        tokenClient.requestAccessToken({prompt: 'consent'});
      } else {
        // Skip display of account chooser and consent dialog for an existing session.
        tokenClient.requestAccessToken({prompt: ''});
      }
    }

    function revokeToken() {
      let cred = gapi.client.getToken();
      if (cred !== null) {
        google.accounts.oauth2.revoke(cred.access_token, () => {console.log('Revoked: ' + cred.access_token)});
        gapi.client.setToken('');
        document.getElementById("showEventsBtn").innerText = "Show Calendar";
      }
    }
  </script>
</body>
</html>

Esempi di flusso del codice di autorizzazione

L'esperienza utente popup della libreria dei servizi Google Identity può utilizzare un reindirizzamento URL per restituire un codice di autorizzazione direttamente all'endpoint del token di backend oppure un gestore di callback JavaScript in esecuzione nel browser dell'utente che proxy la risposta alla tua piattaforma. In ogni caso, la piattaforma di backend completerà il flusso OAuth 2.0 per ottenere un token di accesso e di aggiornamento valido.

La vecchia maniera

App web lato server

Accedi con Google per le app lato server in esecuzione sulla piattaforma di backend utilizzando un reindirizzamento a Google per il consenso degli utenti.

<!DOCTYPE html>
<html>
  <head>
    <script src="//ajax.googleapis.com/ajax/libs/jquery/1.8.2/jquery.min.js"></script>
    <script src="https://apis.google.com/js/client:platform.js?onload=start" async defer></script>
    <script>
      function start() {
        gapi.load('auth2', function() {
          auth2 = gapi.auth2.init({
            client_id: 'YOUR_CLIENT_ID',
            api_key: 'YOUR_API_KEY',
            discovery_docs: ['https://www.googleapis.com/discovery/v1/apis/translate/v2/rest'],
            // Scopes to request in addition to 'profile' and 'email'
            scope: 'https://www.googleapis.com/auth/cloud-translation',
          });
        });
      }
      function signInCallback(authResult) {
        if (authResult['code']) {
          console.log("sending AJAX request");
          // Send authorization code obtained from Google to backend platform
          $.ajax({
            type: 'POST',
            url: 'YOUR_AUTHORIZATION_CODE_ENDPOINT_URL',
            // Always include an X-Requested-With header to protect against CSRF attacks.
            headers: {
              'X-Requested-With': 'XMLHttpRequest'
            },
            contentType: 'application/octet-stream; charset=utf-8',
            success: function(result) {
              console.log(result);
            },
            processData: false,
            data: authResult['code']
          });
        } else {
          console.log('error: failed to obtain authorization code')
        }
      }
    </script>
  </head>
  <body>
    <button id="signinButton">Sign In With Google</button>
    <script>
      $('#signinButton').click(function() {
        // Obtain an authorization code from Google
        auth2.grantOfflineAccess().then(signInCallback);
      });
    </script>
  </body>
</html>

HTTP/REST mediante reindirizzamento

Utilizzare OAuth 2.0 per applicazioni server web per inviare il codice di autorizzazione del browser dell'utente alla tua piattaforma di backend. Il consenso dell'utente viene gestito reindirizzando il browser dell'utente a Google.

/\*
 \* Create form to request access token from Google's OAuth 2.0 server.
 \*/
function oauthSignIn() {
  // Google's OAuth 2.0 endpoint for requesting an access token
  var oauth2Endpoint = 'https://accounts.google.com/o/oauth2/v2/auth';
  // Create &lt;form> element to submit parameters to OAuth 2.0 endpoint.
  var form = document.createElement('form');
  form.setAttribute('method', 'GET'); // Send as a GET request.
  form.setAttribute('action', oauth2Endpoint);
  // Parameters to pass to OAuth 2.0 endpoint.
  var params = {'client\_id': 'YOUR_CLIENT_ID',
                'redirect\_uri': 'YOUR_AUTHORIZATION_CODE_ENDPOINT_URL',
                'response\_type': 'token',
                'scope': 'https://www.googleapis.com/auth/drive.metadata.readonly',
                'include\_granted\_scopes': 'true',
                'state': 'pass-through value'};
  // Add form parameters as hidden input values.
  for (var p in params) {
    var input = document.createElement('input');
    input.setAttribute('type', 'hidden');
    input.setAttribute('name', p);
    input.setAttribute('value', params[p]);
    form.appendChild(input);
  }

  // Add form to page and submit it to open the OAuth 2.0 endpoint.
  document.body.appendChild(form);
  form.submit();
}

La nuova modalità

UX popup GIS

Questo esempio mostra solo la libreria JavaScript del servizio Google Identity che utilizza il modello di codice di autorizzazione una finestra di dialogo popup per il consenso dell'utente e il gestore di callback per ricevere il codice di autorizzazione da Google. Viene fornito per illustrare il numero minimo di passaggi necessari per configurare un client, ottenere il consenso e inviare un codice di autorizzazione alla tua piattaforma di backend.

<!DOCTYPE html>
<html>
  <head>
    <script src="https://accounts.google.com/gsi/client" onload="initClient()" async defer></script>
  </head>
  <body>
    <script>
      var client;
      function initClient() {
        client = google.accounts.oauth2.initCodeClient({
          client_id: 'YOUR_CLIENT_ID',
          scope: 'https://www.googleapis.com/auth/calendar.readonly',
          ux_mode: 'popup',
          callback: (response) => {
            var code_receiver_uri = 'YOUR_AUTHORIZATION_CODE_ENDPOINT_URI',
            // Send auth code to your backend platform
            const xhr = new XMLHttpRequest();
            xhr.open('POST', code_receiver_uri, true);
            xhr.setRequestHeader('Content-Type', 'application/x-www-form-urlencoded');
            xhr.setRequestHeader('X-Requested-With', 'XMLHttpRequest');
            xhr.onload = function() {
              console.log('Signed in as: ' + xhr.responseText);
            };
            xhr.send('code=' + code);
            // After receipt, the code is exchanged for an access token and
            // refresh token, and the platform then updates this web app
            // running in user's browser with the requested calendar info.
          },
        });
      }
      function getAuthCode() {
        // Request authorization code and obtain user consent
          client.requestCode();
      }
    </script>
    <button onclick="getAuthCode();">Load Your Calendar</button>
  </body>
</html>

Esperienza utente reindirizzamento GIS

Il modello di codice di autorizzazione supporta le modalità popup e di reindirizzamento dell'esperienza utente per inviare un codice di autorizzazione per utente all'endpoint ospitato dalla piattaforma. La modalità di reindirizzamento è mostrata qui:

<!DOCTYPE html>
<html>
  <head>
    <script src="https://accounts.google.com/gsi/client" onload="initClient()" async defer></script>
  </head>
  <body>
    <script>
      var client;
      function initClient() {
        client = google.accounts.oauth2.initCodeClient({
          client_id: 'YOUR_CLIENT_ID',
          scope: 'https://www.googleapis.com/auth/calendar.readonly \
                  https://www.googleapis.com/auth/photoslibrary.readonly',
          ux_mode: 'redirect',
          redirect_uri: 'YOUR_AUTHORIZATION_CODE_ENDPOINT_URI'
        });
      }
      // Request an access token
      function getAuthCode() {
        // Request authorization code and obtain user consent
          client.requestCode();
      }
    </script>
    <button onclick="getAuthCode();">Load Your Calendar</button>
  </body>
</html>

Librerie JavaScript

Google Identity Services è una singola libreria JavaScript utilizzata per l'autenticazione e l'autorizzazione degli utenti che consolida e sostituisce funzionalità e funzionalità presenti in più librerie e moduli diversi:

Azioni da eseguire durante la migrazione a Identity Services:

Libreria JS esistente Nuova libreria JS Note
apis.google.com/js/api.js accounts.google.com/gsi/client Aggiungi una nuova libreria e segui la procedura implicita.
apis.google.com/js/client.js accounts.google.com/gsi/client Aggiungi una nuova libreria e il flusso del codice di autorizzazione.

Riferimento rapido per la raccolta

Confronto di oggetti e metodi tra la libreria precedente del client JavaScript Accedi con Google e la libreria Nuovo Servizi di Google Identity e Note con ulteriori informazioni e azioni da intraprendere durante la migrazione.

Precedenti Nuovo Note
Oggetto GoogleAuth e metodi associati:
GoogleAuth.attachClickHandler() Rimuovi
GoogleAuth.currentUser.get() Rimuovi
GoogleAuth.currentUser.listen() Rimuovi
GoogleAuth.disconnect() google.accounts.oauth2.revoke Sostituisci "vecchio" con nuovo. La revoca può avvenire anche all'indirizzo https://myaccount.google.com/permissions.
GoogleAuth.grantOfflineAccess() Rimuovi, segui il flusso del codice di autorizzazione.
GoogleAuth.isSignedIn.get() Rimuovi
GoogleAuth.isSignedIn.listen() Rimuovi
GoogleAuth.signIn() Rimuovi
GoogleAuth.signOut() Rimuovi
Autenticazione.Google() Rimuovi
Oggetto GoogleUser e metodi associati:
GoogleUser.disconnect() google.accounts.id.revoke Sostituisci "vecchio" con nuovo. La revoca può avvenire anche all'indirizzo https://myaccount.google.com/permissions.
UtenteGoogle.getAuthResponse() requestCode() o requestAccessToken() Sostituisci vecchio con nuovo
GoogleUser.getBasicProfile() Rimuovi. Utilizza invece il token ID, vedi Migrazione da Accedi con Google.
UtenteGoogle.getGrantedScopes() hasGrantedQualsiasiScope() Sostituisci vecchio con nuovo
UtenteGoogle.getHostedDomain() Rimuovi
UtenteGoogle.getId() Rimuovi
GoogleUser.grantOfflineAccess() Rimuovi, segui il flusso del codice di autorizzazione.
UtenteGoogle.grant() Rimuovi
GoogleUser.hasGrantedScopes() hasGrantedQualsiasiScope() Sostituisci vecchio con nuovo
GoogleUser.isSignedIn() Rimuovi
GoogleUser.reloadAuthResponse() requestAccessToken() Rimuovi il precedente, chiama nuovo per sostituire il token di accesso scaduto o revocato.
Oggetto gapi.auth2 e metodi associati:
Oggetto gapi.auth2.AuthorizeConfig TokenClientConfig o CodeClientConfig Sostituisci vecchio con nuovo
Oggetto gapi.auth2.AuthorizeResponse Rimuovi
Oggetto gapi.auth2.AuthResponse Rimuovi
gapi.auth2.authorized() requestCode() o requestAccessToken() Sostituisci vecchio con nuovo
gapi.auth2.ClientConfig() TokenClientConfig o CodeClientConfig Sostituisci vecchio con nuovo
gapi.auth2.getAuthInstance() Rimuovi
gapi.auth2.init() initTokenClient() o initCodeClient() Sostituisci vecchio con nuovo
Oggetto gapi.auth2.OfflineAccessOptions Rimuovi
Oggetto gapi.auth2.SignInOptions Rimuovi
Oggetto gapi.signin2 e metodi associati:
gapi.signin2.render() Rimuovi. Il caricamento HTML DOM dell'elemento g_id_signin o chiamata JS a google.accounts.id.renderButton attiva l'accesso utente a un Account Google.

Credenziali di esempio

Credenziali esistenti

La libreria della piattaforma Accedi con Google, la libreria client dell'API di Google per JavaScript o le chiamate dirette agli endpoint Google Auth 2.0 restituiscono sia un token di accesso OAuth 2.0 sia un token ID OpenID Connect in un'unica risposta.

Esempio di risposta contenente sia access_token che id_token:

  {
    "token_type": "Bearer",
    "access_token": "ya29.A0ARrdaM-SmArZaCIh68qXsZSzyeU-8mxhQERHrP2EXtxpUuZ-3oW8IW7a6D2J6lRnZrRj8S6-ZcIl5XVEqnqxq5fuMeDDH_6MZgQ5dgP7moY-yTiKR5kdPm-LkuPM-mOtUsylWPd1wpRmvw_AGOZ1UUCa6UD5Hg",
    "scope": "https://www.googleapis.com/auth/calendar.readonly",
    "login_hint": "AJDLj6I2d1RH77cgpe__DdEree1zxHjZJr4Q7yOisoumTZUmo5W2ZmVFHyAomUYzLkrluG-hqt4RnNxrPhArd5y6p8kzO0t8xIfMAe6yhztt6v2E-_Bb4Ec3GLFKikHSXNh5bI-gPrsI",
    "expires_in": 3599,
    "id_token": "eyJhbGciOiJSUzI1NiIsImtpZCI6IjkzNDFhYmM0MDkyYjZmYzAzOGU0MDNjOTEwMjJkZDNlNDQ1MzliNTYiLCJ0eXAiOiJKV1QifQ.eyJpc3MiOiJhY2NvdW50cy5nb29nbGUuY29tIiwiYXpwIjoiNTM4MzQ0NjUzMjU1LTc1OGM1aDVpc2M0NXZnazI3ZDhoOGRlYWJvdnBnNnRvLmFwcHMuZ29vZ2xldXNlcmNvbnRlbnQuY29tIiwiYXVkIjoiNTM4MzQ0NjUzMjU1LTc1OGM1aDVpc2M0NXZnazI3ZDhoOGRlYWJvdnBnNnRvLmFwcHMuZ29vZ2xldXNlcmNvbnRlbnQuY29tIiwic3ViIjoiMTE3NzI2NDMxNjUxOTQzNjk4NjAwIiwiaGQiOiJnb29nbGUuY29tIiwiZW1haWwiOiJkYWJyaWFuQGdvb2dsZS5jb20iLCJlbWFpbF92ZXJpZmllZCI6dHJ1ZSwiYXRfaGFzaCI6IkJBSW55TjN2MS1ZejNLQnJUMVo0ckEiLCJuYW1lIjoiQnJpYW4gRGF1Z2hlcnR5IiwicGljdHVyZSI6Imh0dHBzOi8vbGgzLmdvb2dsZXVzZXJjb250ZW50LmNvbS9hLS9BT2gxNEdnenAyTXNGRGZvbVdMX3VDemRYUWNzeVM3ZGtxTE5ybk90S0QzVXNRPXM5Ni1jIiwiZ2l2ZW5fbmFtZSI6IkJyaWFuIiwiZmFtaWx5X25hbWUiOiJEYXVnaGVydHkiLCJsb2NhbGUiOiJlbiIsImlhdCI6MTYzODk5MTYzOCwiZXhwIjoxNjM4OTk1MjM4LCJqdGkiOiI5YmRkZjE1YWFiNzE2ZDhjYmJmNDYwMmM1YWM3YzViN2VhMDQ5OTA5In0.K3EA-3Adw5HA7O8nJVCsX1HmGWxWzYk3P7ViVBb4H4BoT2-HIgxKlx1mi6jSxIUJGEekjw9MC-nL1B9Asgv1vXTMgoGaNna0UoEHYitySI23E5jaMkExkTSLtxI-ih2tJrA2ggfA9Ekj-JFiMc6MuJnwcfBTlsYWRcZOYVw3QpdTZ_VYfhUu-yERAElZCjaAyEXLtVQegRe-ymScra3r9S92TA33ylMb3WDTlfmDpWL0CDdDzby2asXYpl6GQ7SdSj64s49Yw6mdGELZn5WoJqG7Zr2KwIGXJuSxEo-wGbzxNK-mKAiABcFpYP4KHPEUgYyz3n9Vqn2Tfrgp-g65BQ",
    "session_state": {
      "extraQueryParams": {
        "authuser": "0"
      }
    },
    "first_issued_at": 1638991637982,
    "expires_at": 1638995236982,
    "idpId": "google"
  }

Credenziale di Google Identity Services

La raccolta dei servizi di identità Google restituisce:

  • un token di accesso quando utilizzato per l'autorizzazione:
  {
    "access_token": "ya29.A0ARrdaM_LWSO-uckLj7IJVNSfnUityT0Xj-UCCrGxFQdxmLiWuAosnAKMVQ2Z0LLqeZdeJii3TgULp6hR_PJxnInBOl8UoUwWoqsrGQ7-swxgy97E8_hnzfhrOWyQBmH6zs0_sUCzwzhEr_FAVqf92sZZHphr0g",
    "token_type": "Bearer",
    "expires_in": 3599,
    "scope": "https://www.googleapis.com/auth/calendar.readonly"
  }
  • oppure un token ID quando viene utilizzato per l'autenticazione:
  {
  "clientId": "538344653255-758c5h5isc45vgk27d8h8deabovpg6to.apps.googleusercontent.com",
  "credential": "eyJhbGciOiJSUzI1NiIsImtpZCI6ImMxODkyZWI0OWQ3ZWY5YWRmOGIyZTE0YzA1Y2EwZDAzMjcxNGEyMzciLCJ0eXAiOiJKV1QifQ.eyJpc3MiOiJodHRwczovL2FjY291bnRzLmdvb2dsZS5jb20iLCJuYmYiOjE2MzkxNTcyNjQsImF1ZCI6IjUzODM0NDY1MzI1NS03NThjNWg1aXNjNDV2Z2syN2Q4aDhkZWFib3ZwZzZ0by5hcHBzLmdvb2dsZXVzZXJjb250ZW50LmNvbSIsInN1YiI6IjExNzcyNjQzMTY1MTk0MzY5ODYwMCIsIm5vbmNlIjoiZm9vYmFyIiwiaGQiOiJnb29nbGUuY29tIiwiZW1haWwiOiJkYWJyaWFuQGdvb2dsZS5jb20iLCJlbWFpbF92ZXJpZmllZCI6dHJ1ZSwiYXpwIjoiNTM4MzQ0NjUzMjU1LTc1OGM1aDVpc2M0NXZnazI3ZDhoOGRlYWJvdnBnNnRvLmFwcHMuZ29vZ2xldXNlcmNvbnRlbnQuY29tIiwibmFtZSI6IkJyaWFuIERhdWdoZXJ0eSIsInBpY3R1cmUiOiJodHRwczovL2xoMy5nb29nbGV1c2VyY29udGVudC5jb20vYS0vQU9oMTRHZ3pwMk1zRkRmb21XTF91Q3pkWFFjc3lTN2RrcUxOcm5PdEtEM1VzUT1zOTYtYyIsImdpdmVuX25hbWUiOiJCcmlhbiIsImZhbWlseV9uYW1lIjoiRGF1Z2hlcnR5IiwiaWF0IjoxNjM5MTU3NTY0LCJleHAiOjE2MzkxNjExNjQsImp0aSI6IjRiOTVkYjAyZjU4NDczMmUxZGJkOTY2NWJiMWYzY2VhYzgyMmI0NjUifQ.Cr-AgMsLFeLurnqyGpw0hSomjOCU4S3cU669Hyi4VsbqnAV11zc_z73o6ahe9Nqc26kPVCNRGSqYrDZPfRyTnV6g1PIgc4Zvl-JBuy6O9HhClAK1HhMwh1FpgeYwXqrng1tifmuotuLQnZAiQJM73Gl-J_6s86Buo_1AIx5YAKCucYDUYYdXBIHLxrbALsA5W6pZCqqkMbqpTWteix-G5Q5T8LNsfqIu_uMBUGceqZWFJALhS9ieaDqoxhIqpx_89QAr1YlGu_UO6R6FYl0wDT-nzjyeF5tonSs3FHN0iNIiR3AMOHZu7KUwZaUdHg4eYkU-sQ01QNY_11keHROCRQ",
  "select_by": "user"
  }

Risposta token non valida

Esempio di risposta di Google quando si tenta di effettuare una richiesta API utilizzando un token di accesso scaduto, revocato o non valido:

Intestazioni della risposta HTTP

  www-authenticate: Bearer realm="https://accounts.google.com/", error="invalid_token"

Corpo della risposta

  {
    "error": {
      "code": 401,
      "message": "Request had invalid authentication credentials. Expected OAuth 2 access token, login cookie or other valid authentication credential. See https://developers.google.com/identity/sign-in/web/devconsole-project.",
      "errors": [
        {
          "message": "Invalid Credentials",
          "domain": "global",
          "reason": "authError",
          "location": "Authorization",
          "locationType": "header"
        }
      ],
      "status": "UNAUTHENTICATED"
    }
  }